Amber Heard rischia la prigione per aver mentito sulle aggressioni di Jhonny Depp

Se la colpevolezza dell'attrice può essere dimostrata, rischia una pena detentiva per falsa testimonianza.
sei in  Gossip

7 mesi fa - 15 Maggio 2021

Amber Heard rischia la prigione per aver mentito sulle aggressioni di Jhonny Depp.

La brillante attrice Aquaman rischia la prigione.

La polizia ha scoperto l’inganno della star di Aquaman Amber Heard su Johnny Depp.

Se la colpevolezza dell’attrice può essere dimostrata, rischia una pena detentiva per falsa testimonianza.

Da diversi anni ormai, gli ex coniugi hanno risolto pubblicamente la relazione, esponendo al pubblico i dettagli sporchi della loro vita personale.

Heard dichiarò che Depp ha ripetutamente alzò le mani su di lei, insultata e umiliata, calpestandola nel fango.

L’attore stesso dei Pirati dei Caraibi assicurò che fu Heard a costruire un piano calcolatore per sposarlo, promuovere la sua carriera e umiliarlo alla fine.

Nonostante il fatto che la coppia abbia divorziato quasi un anno fa, il caso sulle rivendicazioni reciproche non è ancora stato chiuso.

Inoltre, la polizia ha scoperto che Heard potrebbe mentire sull’aggressione da parte di Depp.

Un tempo, il partner di Aquaman assicurò che Johnny l’avesse colpita a pugni nel maggio 2016.

Quindi Depp avrebbe distrutto il suo lussuoso attico e l’avrebbe colpita con il suo telefono.

“Il 21 maggio sono state effettuate due chiamate al servizio di emergenza. La prima macchina è arrivata alle 8: 49 e la seconda alle 22:28. La telecamera della polizia ha filmato una scena diversa da quella di cui parlò Heard al tribunale di Londra ”.

Amber Heard rischia così la prigione per aver mentito sulle aggressioni di Jhonny Depp.

Leggi anche: Mads Mikkelsen sostituirà Johnny Depp nei panni di Grindelwald in Animali fantastici 3.

Seguiteci anche su Facebook & Twitter

Amber Heard rischia la prigione per aver mentito sulle aggressioni di Jhonny Depp
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Gossip Condividi adesso
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin
TEMI DI QUESTO POST