Bambino segregato in casa: confermata la condanna per i genitori e la zia
Italia

Bambino segregato in casa: confermata la condanna per i genitori e la zia

Una storia da incubo, quella vissuta da un bambino di appena 11 anni ad Arzachene, in Sardegna.

La Corte d’appello di Cagliari ha confermato la condanna a 8 anni per i suoi genitori e la zia dopo mesi di abusi nella villetta di famiglia.

Gli avvocati della difesa, Marzio Altana, Alberto Sechi e Angelo Merlini, avevano chiesto un’attenuazione della pena vista la collaborazione degli aguzzini e l’ammissione delle loro colpe.

Ma la Corte, presieduta dal giudice Salvatore Marinaro e composta dalle giudici Marina Capitta e Maria Grixoni, ha respinto l’impugnazione della sentenza.

Adesso i tre aguzzini sono stati condannati a 8 anni.

L’incubo del bambino maltrattato

Da quanto è emerso dalle indagini, il bambino veniva chiuso in una stanza al buio ed era costretto ad ascoltare degli audio con voci spaventose e demoniache.

La voce contraffatta era quella del padre che, insieme alla madre e alla zia del piccolo, lo punivano e terrorizzavano.

La piccola vittima di 11 anni viveva rinchiusa in una stanza con porte e finestre sbarrate, priva di letto.

Veniva sfamato quotidianamente con due pagnotte rafferme e una bottiglia d’acqua per cibarsi. All’angolo della stanza un secchio dove fare i propri bisogni.

Il bambino trascorreva così serate e nottate intere, mentre i genitori uscivano per andare a cene con amici e feste in famiglia.

Per mesi l’undicenne stato maltrattato, vittima di violenze fisiche e psicologiche.

La liberazione dopo le indescrivibili molestie

Durante una notte nel luglio del 2019 il bambino, approfittando dell’assenza dei suoi aguzzini, è riuscito a comporre il 112 da un cellulare senza scheda telefonica e chiede aiuto ai carabinieri.

Arrivati nella villetta nelle campagne di Arzachena i militari, dopo aver verificato il racconto, hanno arrestato i genitori della giovane vittima e successivamente incarcerato anche la zia.

Leggi anche: Bambino di 7 anni vive per 525 giorni con un cuore artificiale
Continua a seguirci sui nostri social Facebook e Twitter! Fonte: ansa

Grave lutto per i Pooh: è morto Alex De Benedictis
alex de benedictis
Grave lutto per i Pooh: è morto Alex De Benedictis
Natale naturale: 9 idee per decorare con le piante
arredamento
Natale naturale: 9 idee per decorare con le piante
Stella di Natale: 10 cose da sapere
lifestyle
Stella di Natale: 10 cose da sapere

Peoplenow.it è partner di Smart eCommerce. La piattaforma editoriale e pubblicitaria per i siti ed i blog di informazione on-line. Smart eCommerce è curatore tecnologico e proprietario dei server che ospitano il sito. Smart eCommerce è curatore commerciale per la monetizzazione del traffico del sito. Chiedi info via e-mail ad adv@smartecommerce.it