“Caste” di Wilkerson tra i finalisti per i premi della critica del libro


“Caste” di Wilkerson tra i finalisti per i premi della critica del libro

“Caste” di Isabel Wilkerson, un’acclamata biografia di Malcolm X e l’opera narrativa di Martin Amis e il compianto Randall Kenan sono tra i finalisti di quest’anno per i premi del National Book Critics Circle (NBCC).

Il circolo della critica ha annunciato domenica cinque candidati in ciascuna delle sei categorie competitive e sette finalisti per un premio per il miglior primo libro.

The Feminist Press, la cui fondatrice Florence Howe è morta lo scorso anno, riceverà un premio alla carriera.

I vincitori saranno annunciati il 25 marzo.

I nominati di quest’anno sono i primi sotto una nuova guida presso l’NBCC dopo che molti dei suoi membri del consiglio si sono dimessi nel 2020 in mezzo a una disputa su come rispondere alle proteste del movimento Black Lives Matters dell’estate.

Tra coloro che si sono dimessi c’era la presidente della NBCC Laurie Hertzel, redattrice di libri senior per il Minneapolis Star Tribune. È stata sostituita da David Varno, l’editore di riviste di narrativa di Publishers Weekly.

Fiction Award

Nella categoria fiction award dell’NBCC, Amis è stato nominato per il suo romanzo autobiografico “Inside Story” e Kenan, morto nel 2020, per la raccolta di racconti “If I Had Two Wings”.

Gli altri finalisti erano “Hamnet” di Maggie O’Farrell, “How to Pronounce Knife” di Souvankham Thammavongsa e “Memorial” di Bryan Washington.

Saggistica

“Caste” di Wilkerson, una riflessione ampiamente letta del razzismo americano, è uno dei finalisti per la categoria saggistica.

Gli altri erano “The Broken Heart of America: St, Louis and the Violent History of the United States” di Walter Johnson, “Shakespeare in a Divided America” di James Shapiro, “She Come By It Natural: Dolly Parton and the Women Who Lived Her Songs” di Sarah Smarsh e “Island on Fire: The Revolt That Ended Slavery in the British Empire” di Tom Zoellner.

Biografia

I candidati alla biografia includono “The Dead are Arising: The Life of Malcolm X”, scritto da Tamara Payne e suo padre, il defunto giornalista Les Payne, e vincitore lo scorso autunno del National Book Award.

Gli altri finalisti sono “Stranger” di Amy Stanley, “The Price of Peace: Money, Democracy and the Life of John Maynard Keynes” di Zachary D. Carter, “Red Comet: The Short Life and Blazing Art of Sylvia Plath” di Heather Clark e “The Equivalents: A Story of Art, Female Friendship, and Liberation in the 1960s” di Maggie Doherty.

Poesia

In poesia, i candidati sono stati “Obit” di Victoria Chang, “Here Is The Sweet Hand” di Francine J. Harris, “Imperial Liquor” di Amaud Jamaul Johnson, “The Shore” di Chris Nealon e “Homie” di Danez Smith.

Autobiografia

I finalisti dell’autobiografia sono stati “Minor Feelings: An Asian American Reckoning” di Cathy Park Hong, “This Is Major: Notes on Diana Ross, Dark Girls, and Being Dope” di Shayla Lawson, “Golem Girl” di Riva Lehrer, “The Dragons,” di Wayétu Moore, “Home Baked: My Mom, Marijuana and the Stoning of San Francisco” di Alia Volz.

Candidati al premio della critica

Oltre a “Grieving” di Cristina Rivera Garza, i candidati al premio della critica sono stati “Unfinished Business: Notes of a Chronic Re-Reader” di Vivian Gornick, “Marking Time” di Nicole Fleetwood.

“Stranger Faces” di Namwali Serpell e “Crap: A History of Cheap Stuff” di Wendy A. Woloson .

Premio Leonard

Tre dei primi romanzi più discussi dello scorso anno, “Lustre” di Raven Leilani, “A Burning” di Megha Majumdar e “Shuggie Bain” di Douglas Stuart, sono stati nominati per il John Leonard Prize per il miglior primo libro, fiction o saggistica.

Gli altri finalisti sono “Mill Town” di Kerri Arsenault, “The Undocumented Americans” di Karla Cornejo Villavicencio, “Real Life” di Brandon Taylor e di C Pam Zhang “How Much of These Hills Is Gold”.

Il premio Leonard prende il nome dal defunto critico letterario, che ha contribuito a fondare l’NBCC nel 1974.

Leggi anche: Kamala Harris: arriva in libreria l’autobiografia “Le nostre verità”
Seguiteci anche su Facebook & Twitter


Peoplenow.it è partner di Smart eCommerce. La piattaforma editoriale e pubblicitaria per i siti ed i blog di informazione on-line. Smart eCommerce è curatore tecnologico e proprietario dei server che ospitano il sito. Smart eCommerce è curatore commerciale per la monetizzazione del traffico del sito. Chiedi info via e-mail ad adv@smartecommerce.it