Cher attaccata sui social dopo aver dichiarato su George Floyd: “Forse se fossi stata lì, avrei potuto aiutarlo”
Musica

Cher attaccata sui social dopo aver dichiarato su George Floyd: “Forse se fossi stata lì, avrei potuto aiutarlo”

Cher è stata aspramente criticata social dopo che aver dichiarato che avrebbe potuto salvare George Floyd se solo fosse stata presente durante il suo pestaggio.

Il bizzarro tweet di Cher

La leggendaria cantante e attrice 74enne, dopo aver discusso con Derek Chauvin del processo ai poliziotti che hanno ucciso George Floyd, spinta da un momento emotivamente intenso ha rilasciato un bizzarro tweet:

“Stavo parlando con la mamma e lei ha detto ‘Ho guardato il processo contro il poliziotto che ha ucciso George Floyd e ha pianto. Ho detto:” Mamma, so che suonerà pazzo, ma…ho continuato a pensare che se fossi stata lì avrei potuto aiutarlo!”

Cher ha poi corredato il suo post con una faccia emoji triste.

L’attacco contro il ruolo da “bianca salvatrice” dell’artista

Poco dopo il tweet, i follower dell’artista l’hanno sonoramente derisa e soprattutto accusato di aver assunto troppo facilmente il ruolo da “salvatrice bianca”.

“Um…Cher, penso che tu sia fantastica e tutto, ma l’omicidio di George Floyd non riguarda te.”

“Ti amo tesoro ma stai mostrando la sindrome da salvatrice bianca!”

Un altro utente ha affermato che con questo tweet Cher ha sminuito le azioni delle persone che avevano effettivamente visto la tragedia svolgersi e avevano tentato vanamente di aiutare Floyd:

“Cher sta sottovalutando in modo significativo ciò che le testimoni presenti hanno cercato di fare per fermare l’uccisione di Floyw. Ci sono state MOLTEPLICI testimonianze di molti, da un pompiere a un combattente di MMA a un uomo anziano che ha tentato di fermare la situazione. Cantare canzoni non cancella il razzismo, Cher.”

Ma altri fan hanno apprezzarono il ragionamento naif ma pieno di compassione dell’artista:

“Perché qualcuno è arrabbiato con Cher? La maggior parte delle persone che hanno visto quel video ha pensato o sperato che avrebbe potuto aiutare Floyd. Ecco perché così tanti testimoni stanno piangendo adesso sul banco dei testimoni. Se Cher usa la sua celebrità per aiutare, c’è solo da ringraziarla.”

“Cher non sta affermando di essere un supereroe come nei tuoi meme divertenti, è tutta una questione di sentimenti di devastazione e indignazione. Vorrebbe aver potuto aiutare George Floyd, come chiunque di noi.”

Leggi anche: Amy Schumer indossa il suo “vestito più elegante” durante il vaccino per il COVID-19
Continua a seguirci sui nostri social Facebook e Twitter! Fonte: toofab

Grave lutto per i Pooh: è morto Alex De Benedictis
alex de benedictis
Grave lutto per i Pooh: è morto Alex De Benedictis
Natale naturale: 9 idee per decorare con le piante
arredamento
Natale naturale: 9 idee per decorare con le piante
Stella di Natale: 10 cose da sapere
lifestyle
Stella di Natale: 10 cose da sapere

Peoplenow.it è partner di Smart eCommerce. La piattaforma editoriale e pubblicitaria per i siti ed i blog di informazione on-line. Smart eCommerce è curatore tecnologico e proprietario dei server che ospitano il sito. Smart eCommerce è curatore commerciale per la monetizzazione del traffico del sito. Chiedi info via e-mail ad adv@smartecommerce.it