Come Elvis Presley può aiutarci con il vaccino Covid

sei in  People

di  Redazione

Come Elvis Presley può aiutarci con il vaccino Covid

4 Dicembre 2020

Condividi

Elvis

Il 28 ottobre 1956, un giovane Elvis Presley andò al “The Ed Sullivan Show”. Un fenomeno che era esploso sulla scena musicale nazionale all’inizio di quell’anno con il suo primo album, suonò “Hound Dog” e fece dei passi di danza. La folla urlava così forte che riuscivi a malapena a sentirlo cantare.

Ma ciò che rende quella notte così memorabile è che prima della sua esibizione, gli spettatori hanno visto Presley farsi vaccinare contro la polio in televisione. Ha fatto notizia e, in modo critico, ha anche contribuito a convincere adolescenti e giovani adulti – persone che pensavano di non essere a rischio – che anche loro avevano bisogno di un vaccino per aiutare a sconfiggere la malattia mortale.

La poliomelite

La poliomielite era una malattia virale che è esplosa negli Stati Uniti durante gli anni ’40, uccidendo migliaia di bambini e lasciando decine di migliaia paralizzati. I funzionari della sanità pubblica hanno imposto la quarantena quando sono comparsi focolai, i genitori sono stati esortati a tenere i figli a casa, i viaggi tra le città sono stati ridotti.

La National Foundation for Infantile Paralysis, ora nota come March of Dimes, decise di fare della polio il problema numero uno, sottolineando subito il suo pericolo e la sua curabilità. Dopo aver coinvolto il presidente Truman e grazie al lavoro di molti scienziati diversi, il più famoso fu il dottor Jonas Salk, riuscirono a sviluppare un vaccino. La poliomielite poteva essere sconfitta, ma solo se un numero sufficiente di persone avesse preso il vaccino.

Il problema era che, sebbene i bambini venissero vaccinati, adolescenti e giovani adulti pensavano di non essere a rischio di poliomielite, quindi non stavano facendo l’iniezione, e quindi la polio rimaneva endemica. Grazie al gesto di Elvis però milioni di americani corsero a vaccinarsi.

Covid

Ora siamo alla vigilia di un vaccino Covid-19. Ma per arrivare da oggi a un mondo post-Covid sarà necessario non solo superare complicazioni logistiche significative, ma anche persuadere un pubblico scettico.

Non avremo bisogno di un solo Elvis, ma di un’intera band di stelle per ottenere questo risultato. Come la dottoressa Sandra Quinn, presidente del Dipartimento di scienze familiari presso l’Università del Maryland, ha detto a NPR ad agosto: “le norme sociali fanno la differenza … quindi so che nella mia ricerca che se credi che tutte le persone che ami e che ti prendi cura di te pensi che dovresti ottenere il vaccino, è più probabile che tu lo faccia”.

Le celebrità

LA dottoressa ha immaginato una campagna “che potrebbe includere … dipartimenti sanitari locali e statali, il CDC, idealmente … l’amministrazione … leader civici, leader religiosi, celebrità … tutte quelle persone. Inizia a dire, ho preso il vaccino ed ecco perché l’ho fatto, quelle cose possono aiutare … ”

La leadership e l’attivismo delle celebrità possono essere sopravvalutate, ma ci sono momenti in cui persone famose e fidate possono influenzare l’opinione di massa in modi vitali per il bene pubblico. Il vaccino Covid potrebbe essere uno di questi casi. Ogni americano e cittadino del mondo ha bisogno di vedere qualcuno che conosce e di cui si fida mentre prende il vaccino in tempo reale. Gli ex presidenti Obama, Bush e Clinton hanno tutti detto che prenderanno il vaccino pubblicamente, il che è fantastico, ma dovremo fare molto di più.

Leggi anche: Mads Mikkelsen sostituirà Johnny Depp nei panni di Grindelwald in Animali fantastici 3
Seguiteci anche su Facebook & Twitter

People

Ultima Notte a Soho, l’horror con Anya Taylor-Joy Anya Taylor-Joy: la star regina degli scacchi
leggi articoli di  People
CONTINUA LA LETTURA
Homepage People
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin
TEMI DI QUESTO POST Covid elvis Oggi polio vaccino