Da Kafka a Oscar Wilde: i 32 libri preferiti di Ian Curtis

“L'amore ci farà a pezzi.” - Ian Curtis
5 giorni fa
20 Novembre 2020
di alessandro pallavicini

Ian Curtis (l’ex leader della band Joy Division) è una delle figure più iconiche nella storia della musica britannica alternativa e la sua tragica storia resta tale anche a 40 anni di distanza. Nonostante avesse solo 23 anni quando morì per suicidio, Curtis era un accanito lettore. I suoi libri preferiti hanno avuto un ruolo importante nella sua vita all’interno della band, oltre a offrire uno spaccato dell’uomo dietro la musica.

La formazione

Fin dalla tenera età, Curtis era sempre ossessionato dalla lettura ed era un bambino molto intelligente. Ha ricevuto una borsa di studio all’età di 11 anni presso la King’s School di Macclesfield ed è stato qui che ha sviluppato i suoi interessi per la filosofia, la letteratura e per eminenti poeti come Thom Gunn. Mentre era alla King’s School, ha ricevuto diversi premi scolastici in riconoscimento delle sue capacità, specialmente tra i 15 ei 16 anni.

La vedova

La vedova Deborah ricordò in seguito che per lui la lettura “Non era qualcosa che faceva per rilassarsi o per piacere. Stava studiando / lavorando. Troppo importante per cercare di concentrarsi con qualcun altro nella stanza. Non era qualcosa che faceva per rilassarsi o per piacere. I suoi libri stavano sul pavimento accanto alle sue bozze. ”

Nel suo libro di memorie, Touching from a Distance, Deborah Curtis ricorda che “quasi tutte le sere Ian entrava in stanza e chiudeva la porta dietro di sé per scrivere, interrotto solo dalle tazze di caffè passate attraverso i vortici del fumo di Marlboro. Non mi importava della situazione: lo consideravamo un progetto, qualcosa che doveva essere fatto “.

Dopo la sua tragica morte, Deborah Curtis ha condiviso un elenco dei libri che ha letto mentre stavano insieme, che offrono uno sguardo affascinante su ciò che ha contribuito a ispirare e plasmare quei due preziosi dischi dei Joy Division.

La lista

Adrian Henri, Ambienti e avvenimenti
Aldous Huxley, Brave New World
Anthony Burgess, Arancia Meccanica
Antonin Artaud, Il teatro e il suo doppio
Arthur Rimbaud, Una stagione all’inferno
Arthur Rimbaud, Illuminazioni
Dawn Ades, Dada e Surrealismo
Franz Kafka, Nella colonia penale
Franz Kafka, Il castello

Friedrich Nietzsche, L’Anticristo
Friedrich Nietzsche, Così parlò Zarathustra
Friedrich Nietzsche, Il crepuscolo degli idoli
Fëdor Dostoyevsky, Raccolta di racconti
Fëdor Dostoevskij, Note dal sottosuolo
Fëdor Dostoyevsky, L’idiota
Hermann Hesse, Il lupo della steppa
Hermann Hesse, Il gioco delle perle di vetro
J.G. Ballard, Il condominio
J.G. Ballard, La mostra delle atrocità

Jean-Paul Sartre, La Nausea
John Heartfield, Fotomontaggi del periodo nazista
John Wilcock, L’autobiografia e la vita sessuale di Andy Warhol
Yehiel De – nur, La casa delle bambole
Michael Green, L’arte della recitazione grossolana
New Worlds [Rivista britannica di fantascienza] Nik Cohn, Rock Dreams: Under The Boardwalk

Nikolai Gogol, Dead Souls
Oscar Wilde, Le opere complete di Oscar Wilde
Poesie selezionate di Thom Gunn e Ted Hughes
Autori Vari, Un secolo di thriller: da Poe ad Arlen
William S. Burroughs, Pranzo nudo
William S. Burroughs, La terza mente
William S. Burroughs, I ragazzi selvaggi

Leggi anche: 5 autobiografie di attrici famose che vale la pena leggere
Seguiteci anche su Facebook & Twitter