Dottoressa nera muore di Covid settimane dopo aver accusato il personale ospedaliero di trattamenti razzisti

sei in  Attualità

di  Redazione

Dottoressa nera muore di Covid settimane dopo aver accusato il personale ospedaliero di trattamenti razzisti

26 Dicembre 2020

Condividi

La dottoressa e il Covid

Una dottoressa di colore è morta di Covid-19 settimane dopo aver descritto un medico bianco che non riconosceva il suo dolore e le preoccupazioni per il suo trattamento mentre giaceva in un ospedale dell’Indiana.

Le accuse

La dottoressa Susan Moore è morta domenica a causa delle complicazioni del Covid-19, ha detto suo figlio al New York Times. L’internista è morta circa due settimane dopo aver condiviso un video in cui accusava un medico dell’Indiana University Health North Hospital (IU North) di ignorare le sue lamentele di dolore e le richieste di farmaci perché era nera, anche se era sia una paziente che una dottoressa.

In un video pubblicato all’inizio di questo mese, si è filmata da un letto d’ospedale e ha raccontato la sua esperienza all’IU North. La Moore ha detto che il suo medico ha spazzato via i suoi sintomi, dicendole: “Non sei nemmeno a corto di fiato”.

“Sì, lo sono”, ha detto Moore nel video, che ha condiviso su Facebook il 4 dicembre.
Ha dovuto chiedere l’elemosina per ricevere il remdesivir, ha ricordato nel video, il farmaco antivirale utilizzato per curare i pazienti ricoverati per Covid-19 e che non necessitano di ventilazione meccanica.

E nonostante il suo dolore, il dottore ha detto alla Moore che poteva mandarla a casa e che non si sentiva a suo agio nel darle più narcotici.

“Mi ha fatto sentire come se fossi una tossicodipendente”, ha detto nel video. “E sapeva che ero un medico.”
La Moore, che era un internista, ha detto che il suo dolore è stato “adeguatamente trattato” solo dopo aver sollevato preoccupazioni sul suo trattamento. Successivamente è stata dimessa dal IU North, ma è tornata in un altro ospedale meno di 12 ore dopo, ha scritto sulla sua pagina Facebook.

La risposta dell’ospedale

Un portavoce del IU North ha confermato alla CNN che la Moore era un paziente in ospedale e che alla fine è stata dimessa, ma ha rifiutato di dire di più su di lei, citando la privacy del paziente.

“In qualità di organizzazione impegnata nell’equità e nella riduzione delle disparità razziali nell’assistenza sanitaria, prendiamo molto sul serio le accuse di discriminazione e indaghiamo su ogni accusa”, ha detto il portavoce.

In una dichiarazione rilasciata giovedì, Dennis M. Murphy, Presidente e CEO di Indiana University Health, ha difeso gli aspetti tecnici del trattamento ricevuto dalla Moore, pur ammettendo “che potremmo non aver mostrato il livello di compassione e rispetto a cui aspiriamo nella comprensione che è ciò che conta di più per i pazienti”.

Ha anche chiesto una revisione esterna del caso.

Leggi anche: Heather Parisi tuona da Hong Kong: “Vi dico com’è davvero la situazione Covid in Cina…”
Seguiteci anche su Facebook & Twitter

Attualità

Pazzesco dalla Sardegna: souvenir con sabia e conchiglie trafugate dalle spiagge della Costa Smeralda La più grande compagnia assicurativa italiana “Generali S.p.A.” vuole acquisire la concorrente “Cattolica” di Assicurazioni
leggi articoli di  Attualità
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Attualità
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin
TEMI DI QUESTO POST Covid dottoressa Oggi Razzismo