Forse potremmo costruire delle case dalla plastica riciclata

Forse potremmo costruire delle case dalla plastica riciclata

9 Dicembre 2020

     

I danni della plastica

Per decenni, le aziende hanno fatto affidamento su imballaggi di plastica usa e getta per confezionare e contenere prodotti in tutto il mondo. Oggi sono ben noti gli sconcertanti effetti negativi di questa dipendenza dalla plastica: dagli anni ’50 sono stati prodotti oltre 9 miliardi di tonnellate di plastica, di cui solo il 9% è stato riciclato.

In tutto il mondo vengono acquistate un milione di bottiglie di plastica ogni minuto e vengono utilizzate due milioni di sacchetti di plastica ogni minuto; e secondo la Plastic Pollution Coalition, entro il 2050, gli oceani conterranno più plastica che pesce in peso.

Inoltre, la plastica è un prodotto petrolifero e la sua produzione contribuisce solo ulteriormente ai devastanti effetti climatici dell’uso massiccio di combustibili fossili.

I senzatetto

Con l’escalation delle preoccupazioni per l’inquinamento e il riscaldamento globale, altre questioni umanitarie, in particolare i senzatetto, rimangono ugualmente pressanti. Secondo il Programma delle Nazioni Unite per gli insediamenti umani, 1,6 miliardi di persone in tutto il mondo vivono in alloggi inadeguati, e i dati disponibili suggeriscono che oltre 100 milioni di persone non hanno alcun alloggio.

Il progetto

Così, in occasione della Giornata mondiale dell’habitat all’inizio di questo mese, UN-Habitat ha lanciato una partnership con la startup norvegese Othalo per combattere contemporaneamente entrambi i problemi – inquinamento da plastica e senzatetto.

Questi edifici possono includere alloggi, rifugi, unità mobili di stoccaggio a temperatura controllata per cibo e medicine, scuole e ospedali. Inoltre, tutte queste strutture sono convenienti, sostenibili, eco-compatibili e soddisfano i moderni standard di vita e sono tutte realizzate in plastica riciclata.

Una singola casa di 60 metri quadrati mette in moto otto tonnellate di plastica; con la quantità di rifiuti di plastica che attualmente inquinano il pianeta, si potrebbero produrre un miliardo di case Othalo.

Inoltre questi sistemi di costruzione fabbricati sono progettati per essere flessibili e possono essere messi assieme per soddisfare infinite possibilità. I progettisti di Othalo hanno creato una serie di moduli che possono essere incastrati insieme, consentendo di realizzare un’ampia varietà di edifici da questi componenti principali.

Leggi anche: 3 grandi architette del secolo scorso da conoscere
Seguiteci anche su Facebook & Twitter

Continua la progettazione del nuovo stadio di baseball di Oakland dagli architetti danesi MVRDV rivela piani ambiziosi per creare un’attrazione per i visitatori di Marble Arch a Londra Statua dedicata a Harriet Tubman svelata a Little Rock davanti al municipio Arturo Di Modica, scultore del toro di Wall Street, muore a 80 anni L’ex edificio IKEA di Coventry forse diventerà un centro artistico e culturale di importanza internazionale Kéré Architecture modella il parlamento del Benin su un albero africano
leggi articoli di  Architettura
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Architettura Condividi adesso
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin
TEMI DI QUESTO POST case inquinamento Norvegia Oggi Othalo plastica senzatetto