Fox Maxy. La regista nativo-americana che dovete conoscere

"Spero che il mio lavoro possa far sapere alle persone che possono fare quello che vogliono". - Fox Maxy
sei in  Cinema

1 anno fa - 17 Novembre 2020

I cortometraggi della regista Fox Maxy sono montaggi di una vita singolare dei nativi americani, uniti in un movimento continuo, come se catturassero la coscienza stessa. L’artista dietro Civic Films crea produzioni decisamente avant-garde, (come Maat Means Land, One Big Selfie e Muzzles Off).

Produzioni che si muovono in modo fluido, trasportando lo spettatore attraverso dimensioni stratificate di spazio reale e virtuale. Voci native parlano, paesaggi frammentati del flusso della California meridionale, mentre le immagini in movimento di una vita che accade ora si collegano ad altre vite native oggi, imponendo abilmente domande sulla natura dell’identità, della terra e del tempo.

L’artista Ipai Kumeyaay e Payómkawichum è cresciuto nell’entroterra di San Diego, dove deserto e montagne si trovano al posto delle costruzioni urbane concentrate lungo il perimetro costiero della città. La regista è stato adottato e cresciuto da genitori amorevoli, due professori universitari che hanno lavorato rispettivamente nei settori delle scienze politiche e della filosofia. Figlia unica, Fox ricorda la sua infanzia, lunghe giornate al sole e ai venti caldi, sempre intorno ai cavalli. La riserva dei nativi americani dove viveva la sua famiglia biologica era geograficamente vicina ma per il resto era invisibile.

Le origini

“Non avevo idea da dove venissi. Come la maggior parte dei giovani che hanno raggiunto la maggiore età, da adolescente, ero un ospite misterioso nella mia esperienza, incerto su chi fosse veramente. Andavo nella mia terra con gli amici, implorandoli di portarmi laggiù, solo perché mi sentivo bene a sedermi su una roccia in mezzo al nulla.”

“Non avevo idea di cosa fosse un nativo americano. Ogni volta che lasciavo i miei genitori, dovevo sempre rispondere a un milione di domande sulla mia esistenza. Mi sono stufata molto presto, quindi non ho più fatto domande”.

Il problema della razza

“Sono cresciuta con bambini bianchi o messicani, e il 90 per cento dei bambini bianchi era affiliato al potere bianco. Sono abituata a persone che dicono “ew” alla mia vista o mi dicono di lavarmi la pelle o che si rifiutano di stare in uno spazio chiuso con me. Sono stata abituata al razzismo e alla rabbia sin dalla tenera età. Tutto quello che sapevo era che ero un mostro.”

New York e il ritorno

Come molti considerati “mostri” prima di lei, la Fox è fuggita dalla sua città natale dopo il liceo. Ha seguito la rotta migratoria di estranei e artisti affermati nel 20 ° secolo a New York City. “Mia madre [adottiva] è di Brooklyn, mio padre è invece di Chicago e noi siamo cresciuti visitando le grandi città. È lì che ho trovato il mio amore per New York. Sono stata lì per quasi un decennio e ho davvero avuto modo di vivere tutto questo”.

A 26 anni, la Fox ha incontrato i suoi genitori biologici. Con ritrovata chiarezza, la Fox tornò ad ovest. “Ho lasciato la mia piccola città in tanta fretta e mi sono sentito così negativo nei suoi confronti, ma nel momento in cui sono tornato indietro e ho incontrato la mia famiglia, tutto aveva un senso. Mi sento come se la terra mi abbia davvero plasmato”.

I film

La Fox ha sempre voluto essere una regista. Ha iniziato la sua incursione nel cinema realizzando clip su Instagram. La sua pratica è radicata nei mezzi a sua disposizione, motivo per cui i suoi film sono girati su un telefono – ma hanno un aspetto Tumblr, analogico. È ispirato da artisti che abbracciano generazioni, popolarità e genere. “Amo James Luna, John Akomfrah e il Black Audio Film Collective, Ryan Trecartin, Bjork, Paul McCarthy, Kim Kardashian, Pipilotti Rist, Rob Zombie, Issa Rae e Cat Marnell”.
“Realizzavo le cose per pura rabbia, solo così arrabbiato che non importa quanto duramente lavorassi, ero ancora invisibile al mondo”, dice Fox.

Non è un segreto che nel mondo dell’arte ci siano barriere all’ingresso erette dalle stesse istituzioni sociali colonialiste e dalla supremazia eteronormativa dei bianchi, che hanno spesso cancellato le storie dei nativi. Tuttavia la Fox non lascia che questi paradigmi le impedissero di creare l’opera. La Fox ha ritenuto che fosse impossibile fare un film, finché non ha capito che il cinema non è controllato da poteri esterni. Piuttosto, è una pratica, possibile per chiunque abbia i mezzi per catturare immagini in movimento.

“Chiunque può fare un film”, dice. “Questo mondo colonizzato fa davvero pensare alle persone di dover prendere indicazioni da qualcuno o qualcosa. Non so niente più di chiunque altro. Mi preparo le mie regole e spero che il mio lavoro possa far sapere alle persone che possono fare quello che vogliono”.

Leggi anche: I 5 film in streaming del 2020 ispirati a storie vere
Seguiteci anche su Facebook

Fox Maxy. La regista nativo-americana che dovete conoscere
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Cinema Condividi adesso
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin