Francesca Michielin: “Ho una carriera decennale alle spalle. Se fossi un uomo, direste che sono sottovalutato?”
Musica

Francesca Michielin: “Ho una carriera decennale alle spalle. Se fossi un uomo, direste che sono sottovalutato?”

La cantante del momento Francesca Michielin ha rilasciato un’intensa intervista sul magazine musicale Rockol.

Nelle risposte la seconda classificata del Festival di Sanremo 2021 si è concentrata su temi delicati come il femminismo e la meritocrazia.

“Un uomo che scrive le sue canzoni è per tutti un cantautore. Mentre una donna che scrive le sue canzoni per tutti è solo una cantante: perché?”

Il passionale femminismo di Francesca Michielin

Proprio lo scorso 25 febbraio, in occasione nel giorno del suo 26esimo compleanno, Francesca Michielin ha rilasciato il suo podcast dall’emblematico titolo “Maschiacci“.

“Secondo me le donne sono sottovalutate tantissimo in questo Paese. È una questione culturale. La mia è la generazione che si trova in mezzo e che lotta per cambiare le cose: è uno sporco lavoro, ma qualcuno lo deve pur fare.”

La cantante vicentina vuole combattere affinché alle donne sia dato il giusto valore meritocratico in ambito lavorativo:

“Arrivare a 26 anni con una carriera di dieci alle spalle, aver venduto un milione e mezzo di copie, aver fatto concerti sempre diversi, una volta classici, una volta pop, una volta techno, aver fatto quattro dischi tutti diversi tra loro, composto una colonna sonora jazz, aver collezionato non poche collaborazioni, aver avuto anche riconoscimenti internazionali, aver partecipato a due festival di Sanremo arrivando in entrambi i casi sul podio, facendo anche un po’ l’attivista; ecco, secondo me tutto questo è una figata!”

Sul Festival di Sanremo 2021

Francesca Michielin ci tiene a sottolineare che il successo di “Chiamami per nome” al Festival di Sanremo 2021 sia dipeso da una lunga preparazione:

“Se sei preparato, non sei spontaneo. C’è questa cosa un po’ alla Boris, a cazzo di cane , anche nella vita vera. E invece non è così. Prima di arrivare sul palco bisogna prepararsi molto.

Io e Federico abbiamo studiato il pezzo, siamo andati dallo stesso insegnante di canto, ci siamo supportati a vicenda. Il fatto è che quel palco ha un’energia pazzesca e ognuno trasmette la propria emotività in maniera diversa.”

“Questo Festival è stato una sorta di ‘la’, un diapason, dopo un anno di inattività. È stato un modo per raccontare una crescita di palco, di contenuti, di testi.

Quando inizi a fare questo lavoro a 16 anni, tutti pensano che sei una ragazzina per almeno altri cinque o sei anni. Invece è importante manifestare sempre il proprio racconto, l’evoluzione.”

“Adesso continuerò a fare quello che ho sempre fatto. Intanto suonare, perché la mia dimensione preferita è quella. E poi porterò avanti i miei progetti. Ho iniziato a scrivere anche per altri.”

Leggi anche: Francesca Michielin: “Prima di Sanremo ho tagliato i capelli per donarli alle donne che li hanno persi”
Continua a seguirci sui nostri social Facebook e Twitter! Fonte: rockol

Grave lutto per i Pooh: è morto Alex De Benedictis
alex de benedictis
Grave lutto per i Pooh: è morto Alex De Benedictis
Natale naturale: 9 idee per decorare con le piante
arredamento
Natale naturale: 9 idee per decorare con le piante
Stella di Natale: 10 cose da sapere
lifestyle
Stella di Natale: 10 cose da sapere

Peoplenow.it è partner di Smart eCommerce. La piattaforma editoriale e pubblicitaria per i siti ed i blog di informazione on-line. Smart eCommerce è curatore tecnologico e proprietario dei server che ospitano il sito. Smart eCommerce è curatore commerciale per la monetizzazione del traffico del sito. Chiedi info via e-mail ad adv@smartecommerce.it