I cittadini vaccinati possano viaggiare nei paesi nell’Unione: la proposta della Commissaria Europea

La notizia è stata annunciata su Twitter da Ursula von der Leyen, dando così speranza per la rinascita del turismo in Italia ed in tutta l'Europa.
di  redazione
4 giorni fa - 3 Maggio 2021

I cittadini vaccinati possano viaggiare nei paesi nell’Unione: la proposta della Commissaria Europea

Dopo una campagna di vaccinazione di successo e un calo significativo del numero di persone infette; la Commissione europea ha proposto oggi l’allentamento delle attuali restrizioni sui viaggi non essenziali verso l’Unione Europea.

La notizia è stata annunciata tramite un post su Twitter dal presidente della Commissione europea; Ursula von der Leyen, dando così speranza per la rinascita del turismo in Italia ed in tutta l’Europa.

Nel suo post, il commissario scrive che l’Unione Europea raccomanda la ripresa dei viaggi dei turisti vaccinati contro il covid-19, nonché dei cittadini che provengono da paesi extra-europei che si trovano in “buona salute” in termini di pandemia.

La Commissione propone di consentire l’ingresso nell’Unione Europea per motivi non essenziali; non solo a tutte le persone provenienti da paesi con una buona situazione epidemiologica, ma anche a tutte le persone che hanno ricevuto l’ultima dose di uno dei vaccini approvati dall’EMA.

I vaccini che hanno ricevuto l’approvazione dell’OMS per l’uso di emergenza possono essere inclusi nella proposta presentata dalla Commissione.

Inoltre, la Commissione propone di aumentare la soglia di incidenza in relazione al numero di nuovi casi covid-19 utilizzati per definire un elenco di paesi da cui dovrebbero essere consentiti tutti i viaggi, creando così opportunità per l’ampliamento di questo elenco.

Attualmente nell’UE, solo i cittadini di 7 paesi sono ammessi senza restrizioni.

In base alle norme più recenti, gli Stati membri devono consentire l’ingresso alle persone che hanno ricevuto 14 giorni prima dell’arrivo.

Inoltre, è prevista l’abolizione della quarantena e del test molecolare negativo per tutti i vaccinati, anche per i soggetti provenienti dai paesi extra europei.

Ciò dovrebbe essere reso ancora più facile dopo che il certificato digitale verde diventerà operativo, in linea con le regole proposte dalla Commissione il 17 marzo.

I viaggiatori devono essere in grado di dimostrare il loro stato di vaccinazione con un certificato digitale verde rilasciato dalle autorità degli Stati membri; o un altro certificato riconosciuto equivalente sulla base di una decisione di ammissibilità della Commissione.

L’entrata in vigore di questa decisione sarà discussa domani al Consiglio europeo e poi al Consiglio degli ambasciatori. Dall’inizio della pandemia nell’UE, è consentito viaggiare solo per motivi essenziali che causano un calo significativo del turismo.

Leggi anche: Vaccinare il 70% degli adulti europei e poi puntare su bambini e adolescenti.

Seguiteci anche su Facebook & Twitter

CONTINUA LA LETTURA
Homepage Mondo Condividi adesso
TEMI DI QUESTO POST