I lavoratori del trasporto pubblico in sciopero per chiedere di essere vaccinati

Il sindacato: questi lavoratori devono essere inclusi nel piano di vaccinazione come categoria di lavoratori che forniscono servizi di pubblica utilità
sei in  Italia

8 mesi fa - 23 Aprile 2021

I lavoratori del trasporto pubblico in sciopero per chiedere di essere vaccinati.

I lavoratori delle ferrovie e dei trasporti pubblici italiani stanno scioperando per chiedere alle autorità di essere vaccinati contro il covid-19.

Infatti, quando il governo ha identificato le categorie prioritarie per l’inclusione nella campagna di vaccinazione volontaria; i lavoratori dei trasporti sono stati esclusi dalla lista per ragioni inspiegabili, fanno sapere dall’Orsa Trasporti.

A questo proposito, il sindacato insiste affinché la categoria dei lavoratori dei trasporti sia vaccinata immediatamente e che siano inclusi nel piano di vaccinazione come categoria di lavoratori che forniscono servizi di pubblica utilità.

Secondo le informazioni pubblicate sul sito web del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti; nella giornata di oggi, la maggior parte dei dipendenti del trasporto pubblico smetterà di lavorare per quattro ore, soprattutto questa sera.

A Roma autobus, metropolitane, tram e treni si fermeranno dalle 20.30

A Milano, i dipendenti dell’azienda di trasporti comunali ATM sosterranno le richieste del sindacato, ma non prenderanno parte all’azione odierna, poiché la direzione dell’azienda si è già impegnata a vaccinare 10.000 persone.

Lo sciopero ferroviario durerà otto ore. Il Gruppo delle Ferrovie dello Stato d’Italia ha informato i propri clienti che dalle ore 09:00 alle ore 17:00 a livello regionale potrebbero esserci cancellazioni e orari dei treni.

Leggi anche: Il nemico di Putin incarcerato Alexey Navalny dichiara lo sciopero della fame.

Seguiteci anche su Facebook & Twitter

I lavoratori del trasporto pubblico in sciopero per chiedere di essere vaccinati
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Italia Condividi adesso
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin
TEMI DI QUESTO POST