Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres: siamo ancora in guerra contro il coronavirus

Ha invitato i paesi del G20 a istituire una task force che unisca tutti i paesi con la capacità di produrre vaccini e distribuirli anche ai paesi poveri
sei in  Mondo

6 mesi fa - 24 Maggio 2021

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres: siamo ancora in guerra contro il coronavirus.

Il Capo dell’ONU, Antonio Guterres, ha invitato i paesi a mostrare solidarietà per porre fine alla pandemia, affermando:

che i “più deboli”, cioè i paesi poveri, sono quelli che stanno soffrendo di più e ha espresso il timore che siamo ancora lontani dalla fine della pandemia.

Ha invitato i paesi ricchi a mostrare solidarietà, aggiungendo che l’azione deve essere intrapresa in tempo.

“Sfortunatamente, se non agiamo ora, affronteremo una situazione in cui i paesi ricchi avranno vaccinato le loro popolazioni e aperto l’economia, mentre i paesi poveri soffriranno di infezioni da coronavirus”. Questo è dell’appello del segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres.

Una settimana fa, il Segretario generale delle Nazioni Unite ha invitato i paesi del G20 a istituire una task force che unisca tutti i paesi con la capacità di produrre vaccini e altri strumenti necessari per combattere covid-19.

Secondo Antonio Guterres, è l’ideale per ottenere il raddoppio della capacità di produzione dei vaccini.

Oltre a combattere il covid-19, Guterres ha sottolineato l’importanza di preparare i paesi per un’altra pandemia; sostenendo una serie di raccomandazioni presentate all’assemblea per riformare e rafforzare l’Organizzazione Mondiale di Sanità e il sistema sanitario globale.

Un forte appello alla solidarietà è arrivato anche dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, che ha più volte chiesto ai paesi più ricchi di aiutare con mezzi anti-Covid i paesi che non hanno opportunità economiche.

Recentemente si è iniziato a sentire uno spirito di solidarietà. Gli Stati Uniti distribuiranno 20 milioni di dosi di vaccini anti-covid19 entro la fine di giugno.

In precedenza, erano state promesse 60 milioni di dosi di AstraZeneca.

Dopo gli Stati Uniti, anche la Francia si è impegnata a distribuire 500.000 dosi del vaccino anticovid.

La Svizzera ha anche promesso di aiutare i paesi senza opportunità economiche.

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres: siamo ancora in guerra contro il coronavirus. L’appello per vaccini ai poveri

Leggi anche: L’ONU riconferma Bloomberg come inviato per il clima.

Seguiteci anche su Facebook & Twitter

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres: siamo ancora in guerra contro il coronavirus
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Mondo Condividi adesso
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin
TEMI DI QUESTO POST