Il sito archeologico dell’Almoloya e le donne dell’età del bronzo
Cultura

Il sito archeologico dell’Almoloya e le donne dell’età del bronzo

Il sito archeologico dell’Almoloya si trova in cima a una collina rocciosa che domina le pianure circostanti della Spagna sud-orientale e qui nel 2014 è stata scoperta una tomba sotto il pavimento di una stanza, che probabilmente era luogo di deliberazione e governo.

Sepolta sotto il pavimento in una giara di terracotta sono stati trovati gli scheletri di un uomo e di una donna, morti intorno al 1650 a.C. All’epoca della morte l’uomo aveva tra i 35 e i 40 anni, la donna tra i 25 e i 30 anni.

I loro scheletri non mostrano ferite mortali e l’analisi genetica rivela che i due non erano imparentati, ma avevano una figlia che morì in tenera età e fu sepolta nelle vicinanze.

In questo vaso funerario trovato presso l’Almoloya sono stati trovati vari tesori: l’uomo indossava un braccialetto di rame, ma la donna sfoggiava diversi braccialetti e anelli d’argento, una collana di perline e uno spettacolare diadema d’argento che adornava il suo cranio.

“Questo oggetto simile a una corona è quasi identico ad altri quattro trovati su donne sepolte in un altro sito di El Argar a circa 90 chilometri di distanza”, riferiscono i ricercatori sulla rivista Antiquity sulle scoperte fatte presso l’Almoloya e ciò conferma quanto trovato in altri siti dell’età del bronzo in tutta Europa.

Molti archeologi hanno sempre supposto che le donne fossero “decorate” perché compagne di potenti mariti guerrieri, ma invece come non immaginare che queste donne fossero in realtà leader economici e politici?

“Se accettiamo che i beni funerari siano proprietà del defunto, allora dobbiamo includere le donne nelle nostre narrazioni sul potere dell’età del bronzo”, dice Mark Haughton, archeologo dell’Università di Cambridge.

L’archeologa Joanna Brück dell’University College di Dublino è d’accordo, sottolineando che è tempo che gli archeologi ripensino alle loro ipotesi su simili sepolture di donne: “Se accettiamo che il patriarcato non è inevitabile, forse possiamo immaginare un futuro migliore per noi stessi”.

Leggi anche: Le vittime dei test nucleari atmosferici francesi in Polinesia.

Seguiteci anche su Facebook & Twitter

Grave lutto per i Pooh: è morto Alex De Benedictis
alex de benedictis
Grave lutto per i Pooh: è morto Alex De Benedictis
Natale naturale: 9 idee per decorare con le piante
arredamento
Natale naturale: 9 idee per decorare con le piante
Stella di Natale: 10 cose da sapere
lifestyle
Stella di Natale: 10 cose da sapere

Peoplenow.it è partner di Smart eCommerce. La piattaforma editoriale e pubblicitaria per i siti ed i blog di informazione on-line. Smart eCommerce è curatore tecnologico e proprietario dei server che ospitano il sito. Smart eCommerce è curatore commerciale per la monetizzazione del traffico del sito. Chiedi info via e-mail ad adv@smartecommerce.it