In Italia nel 2020 sono morte 700mila persone. Mai così tante dal 1944.

Un dato inquietante che dovrebbe farci riflettere tutti quanti. In Italia quest'anno sono morte tante persone quante nel 1944 (quando eravamo in guerra).
sei in  Italia

12 mesi fa - 15 Dicembre 2020

I morti in Italia

Nel 1944 l’Italia era un paese in guerra. Quest’anno il numero dei morti pare essere uguale.

A denunciare questi numeri è stato il presidente dell’Istat Gian Carlo Blangiardo durante la trasmissione Agorà (Rai3).

“Non è ancora finito il 2020, ma una valutazione ragionevole fa pensare che quest’anno supereremo il confine dei 700mila decessi complessivi, che è un valore preoccupante perché una cosa del genere l’ultima volta, in Italia, era successa nel 1944. Eravamo nel pieno della seconda guerra mondiale”.

L’anno scorso il numero dei morti si aggirava sulle 647mila unità. Ha poi aggiunto:
“Si tratta di una stima perché l’anno non è ancora finito”.

I dati

I dati forniti però si riferiscono soltanto a una stima, dato che gli ultimi numeri confermati sono quelli aggiornati a settembre. Queste sono cifre che si riferiscono alla mortalità totale e che non entrano nel dettaglio dei morti per Covid o per altre cause.

In Italia dal primo gennaio alla fine di settembre sono morte 527.888 persone, mentre in media dal 2015 al 2019 nello stesso periodo erano invece morte 484.435 persone. Vi è dunque stato un aumento di 43mila decessi in soli dieci mesi, corrispondenti all’8,9% in più.

La mortalità e il Covid

I dati forniti dall’Istat illustrano le tendenze di tutti i mesi del 2020. Nel primi due mesi si era registrata una decrescita della mortalità: il 7% in meno rispetto alla media dei cinque anni precedenti.

Da marzo però appare evidente una inversione di tendenza, soprattutto in alcune Regioni come la Lombardia. Da marzo a maggio in Italia il tasso di mortalità è cresciuto del 31%.

A giugno e luglio, invece, è tornato su livelli inferiori alla media registrata dal 2015 al 2019: -1,2%. Nel periodo agosto-settembre, quello corrispondente all’inizio della seconda ondata di Covid-19, il numero dei morti è tornato ad essere sopra la media (+3,7%).

Dato registrato non solo in alcune Regioni ma su tutto il territorio nazionale. Infatti l’incremento più elevato si registra principalmente al Centro-Sud e in Regioni come Puglia, Sardegna, Toscana, Sicilia, Umbria e Calabria. Da gennaio a settembre il totale della variazione dei decessi è stato dunque del +9%.

Leggi anche: Come Elvis Presley può aiutarci con il vaccino Covid
Seguiteci anche su Facebook & Twitter

In Italia nel 2020 sono morte 700mila persone. Mai così tante dal 1944.
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Italia Condividi adesso
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin
TEMI DI QUESTO POST Covid dati Italia morte Oggi