Iniettate per errore 4 dosi di vaccino Pfizer e BioNTech contemporaneamente ad una donna di Livorno

Secondo studi sperimentali, l'introduzione di un massimo di quattro dosi di questo farmaco non dovrebbe causare una reazione grave nel corpo.
sei in  Salute

7 mesi fa - 20 Maggio 2021

Iniettate per errore 4 dosi di vaccino Pfizer e BioNTech contemporaneamente ad una donna di Livorno.

Una donna di Livorno ha erroneamente ricevuto quattro dosi di vaccino contro il coronavirus dal consorzio americano-tedesco di Pfizer e BioNTech.

La donna di 67 anni è sotto controllo medico e si sente bene. Secondo studi sperimentali, l’introduzione di un massimo di quattro dosi di questo farmaco non dovrebbe causare una reazione grave nel corpo.

Tuttavia, in alcune persone anziane (oltre 80 anni), dopo la vaccinazione, si verifica un netto deterioramento della salute generale.

Tuttavia, non ci sono dati ufficiali su questo punteggio. In precedenza, uno studente di psicologia di 23 anni ha ricevuto più delle dosi prescritte.

Inizialmente si parlava di sei dosi, poi i medici e l’infermiera che hanno commesso un errore hanno assicurato che nella fiala erano rimaste quattro dosi.

La giovane donna, vaccinata più di una settimana fa, lamentava mal di testa, stanchezza e alcuni parametri sono sovrastimati in base ai risultati di un esame del sangue biochimico.

I vaccini contro il coronavirus di quasi tutti i produttori che forniscono campagne di vaccinazione in Europa sono disponibili in fiale multidose.

Questa decisione è stata presa, in particolare, per accelerare il ritmo della produzione.

Le fiale di Pfizer e BioNTech sono progettate per cinque dosi, ma gli stati dell’Unione Europea, utilizzano siringhe di precisione e per tali motivi è possibile estrarre sei dosi dalla fiala.

Leggi anche: Iniettate per errore sei dosi di vaccino Pfizer anti-covid ad una studentessa di psicologia.

Seguiteci anche su Facebook & Twitter

Iniettate per errore 4 dosi di vaccino Pfizer e BioNTech contemporaneamente ad una donna di Livorno
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Salute Condividi adesso
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin
TEMI DI QUESTO POST