Insulti e minacce sul web al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella: undici indagati

sei in  Cronaca

7 mesi fa - 11 Maggio 2021

Insulti e minacce sul web al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella: undici indagati

Sono scattate stamani le perquisizioni dei Carabinieri del Ros nei confronti di 11 indagati per i reati di offesa all’onore e al prestigio del presidente della Repubblica e istigazione a delinquere.

Le indagini condotte dai Carabinieri del Raggruppamento Operativo Speciale sono state coordinate dalla Procura della Repubblica di Roma hanno fatto luce:

sulla divulgazione attraverso internet di azioni offensive verso il Capo dello Stato Sergio Mattarella.

L’azione vie web degli indagati era il frutto di una elaborata strategia di aggressione alle più alte istituzioni cariche dello Stato Italiano.

Gli indagati, in relazione tra loro, hanno tra i 44-65 anni. Tre di loro gravitano nell’estrema destra.

Un altro, sempre dalle risultanze investigative, è risultato  collegato a gruppi suprematisti e antisemiti.

L’operazione eseguita su richiesta della Procura di Roma in diverse altre città italiane, tra cui Torino, Perugia e Bologna.

Uno degli indagati è un professore universitario di 53 anni.

Le indagini si sono estese agli account elettronici e ai profili social dei sospettati e hanno consentito il sequestro di numerosi sistemi e attrezzature utilizzati per inviare minacce al presidente della repubblica.

Il contenuto oggetto di indagine si riferisce al periodo da aprile 2020 a febbraio 2021.

che sono molto probabilmente il risultato di una strategia attentamente ponderata per l’aggressione contro le più alte istituzioni di potere del paese”.

Non è la prima volte che insulti e minacce sul web vengono indirizzare al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

Leggi anche: Per la Festa della Repubblica l’Italia riapre al turismo.

Seguiteci anche su Facebook & Twitter

Insulti e minacce sul web al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella: undici indagati
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Cronaca Condividi adesso
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin
TEMI DI QUESTO POST Oggi