La famiglia di Roald Dahl si scusa per il suo antisemitismo

Roald Dahl è uno degli scrittori per bambini più di successo di sempre. Ma anche lui nascondeva un lato segreto e vergognoso. Scopriamo quale.
sei in  Libri

12 mesi fa - 7 Dicembre 2020

Dahl e l’antisemitismo

La famiglia di Roald Dahl ha chiesto scusa per il suo antisemitismo in una dichiarazione sepolta nel profondo del sito ufficiale dell’autore.

Dahl, morto 30 anni fa, è descritto sul sito come “il narratore numero 1 al mondo”, i cui libri – tra cui Charlie e la fabbrica di cioccolato, Matilda e Il GGG – hanno incantato i bambini dagli anni ’60.

Ma Dahl era anche un antisemita. In un’intervista con il New Statesman nel 1983, ha detto: “C’è un tratto nel carattere ebraico che provoca animosità, forse è una sorta di mancanza di generosità verso i non ebrei. Voglio dire, c’è sempre un motivo per cui l’anti-qualsiasi cosa emerge ovunque “.

Ha aggiunto: “Anche un puzzolente come Hitler non si è limitato a prendersela con loro senza motivo.”

Le scuse della famiglia

Ora la famiglia ha rilasciato delle scuse per i suoi commenti. La loro dichiarazione dice: “La famiglia Dahl e la Roald Dahl Story Company si scusano profondamente per il dolore duraturo e comprensibile causato da alcune delle dichiarazioni di Roald Dahl.

“Queste osservazioni pregiudizievoli sono per noi incomprensibili e sono in netto contrasto con l’uomo che conoscevamo e con i valori al centro delle storie di Roald Dahl, che hanno avuto un impatto positivo sui giovani per generazioni.

“Ci auguriamo che, proprio come ha fatto al suo meglio, al suo peggio assoluto, Roald Dahl possa aiutarci a ricordarci l’impatto duraturo delle parole”.

Non si fa menzione delle opinioni antisemite di Dahl nella biografia ufficiale dell’autore sul sito. Le scuse della famiglia non sono state inviate alle organizzazioni ebraiche.

Il successo di Dahl

Dahl è nato nel 1916 in Galles da genitori norvegesi. Durante il suo servizio di guerra nella RAF, è stato gravemente ferito quando il suo Gladiator è precipitato in Libia.

Oltre ai famosissimi libri per bambini ha anche co-sceneggiato le sceneggiature del film di James Bond You Only Live Twice e Chitty Chitty Bang Bang, oltre a scrivere romanzi per adulti.
Molti dei libri dei suoi figli sono stati adattati come film, per la televisione e sul palcoscenico.

All’inizio di quest’anno, Netflix ha annunciato che il regista premio Oscar Taika Waititi stava girando una serie animata di Charlie e la fabbrica di cioccolato e un secondo film sugli Oompa-Loompa, gli operai della fabbrica nel libro.
In ottobre, la Warner Bros ha pubblicato Le Streghe, un film basato sull’omonimo libro di Dahl del 1983, con Anne Hathaway.

Leggi anche: Le 10 città italiane più citate nei Libri
Seguiteci anche su Facebook & Twitter

La famiglia di Roald Dahl si scusa per il suo antisemitismo
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Libri Condividi adesso
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin