La variante del coronavirus del Regno Unito molto probabilmente si diffonderà in questo gruppo di età

Una nuova variante di coronavirus scoperta nel Regno Unito sta ora facendo il suo giro nel mondo. Potrebbe sorprendervi la fascia d'età più sensibile a questa variante.
sei in  Salute

1 anno fa - 7 Gennaio 2021

La nuova variante di coronavirus

Una nuova variante di coronavirus scoperta nel Regno Unito sta ora facendo il suo giro nel mondo.

Si dice che la variante sia più trasmissibile del COVID-19, anche se al momento non si pensa che sia più virulenta o resistente ai vaccini e al trattamento.

Detto questo, un nuovo studio suggerisce chi potrebbe essere più a rischio di contrarre il B.1.1.7: le persone sotto i 20 anni di età.

Lo studio, che è stato condotto da ricercatori dell’Imperial College di Londra e altri e non è stato ancora sottoposto a peer review, ha rilevato che i soggetti di età inferiore ai 20 anni hanno maggiori probabilità di costituire una percentuale più alta di casi B.1.1.7 – o quello che viene identificato nello studio come “Variant of Concern” o VOC.

I dati disponibili indicano “un cambiamento nella composizione per età dei casi segnalati, con una quota maggiore di sotto i 20 anni tra i casi VOC segnalati rispetto ai casi non VOC”, secondo lo studio.

Tuttavia, i ricercatori hanno affermato che è troppo presto per determinare il “meccanismo alla base di questo cambiamento”, notando che potrebbe essere stato influenzato, in parte, dalle “varianti diffuse in coincidenza con un periodo in cui era in vigore il lockdown ma le scuole erano aperte”.

“Sono in corso ulteriori ricerche sulla natura specifica di eventuali cambiamenti nel modo in cui il virus colpisce questa fascia di età”, ha osservato un comunicato stampa sui risultati.

I bambini

A differenza del COVID-19, il B.1.1.7 potrebbe avere maggiori probabilità di infettare i bambini, suggerisce lo studio, che fa eco alle preoccupazioni espresse dal professor Neil Ferguson, uno scienziato dell’Imperial College di Londra e autore dello studio, a dicembre.

A quel tempo, Ferguson avvertì che le prime analisi “suggeriscono che ha una maggiore propensione a infettare i bambini”.

Lo studio dell’Imperial College di Londra ha anche stimato che il numero di riproduzione (R0) della nuova variante è compreso tra 1,4 e 1,8.

Tutti i virus si evolvono e molto raramente un virus cambierà in un modo che ci impone di rivalutare la politica di salute pubblica”, ha aggiunto in una dichiarazione il Dr. Erik Volz, uno scienziato dell’Imperial College di Londra e uno degli autori dello studio.

“Troviamo prove schiaccianti di un cambiamento nella trasmissibilità della variante B.1.1.7 che dovrebbe essere presa in considerazione quando si pianifica la nostra risposta al COVID-19 nel nuovo anno”.

Leggi anche: Alcol e salute del cervello
Seguiteci anche su Facebook & Twitter

La variante del coronavirus del Regno Unito molto probabilmente si diffonderà in questo gruppo di età
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Salute Condividi adesso
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin
TEMI DI QUESTO POST coronavirus Gran bretagna Oggi variante