Larry King, gigante delle trasmissioni televisive per mezzo secolo, muore a 87 anni

sei in  Attualità

di  Redazione

Larry King, gigante delle trasmissioni televisive per mezzo secolo, muore a 87 anni

23 Gennaio 2021

Condividi

Larry King, l’uomo qualunque che indossava le bretelle le cui interviste trasmesse con i leader mondiali, le star del cinema e le persone normali hanno contribuito a definire l’intrattenimento americano per mezzo secolo, è morto oggi. Aveva 87 anni.

King è morto al Cedars-Sinai Medical Center di Los Angeles, questo è quanto la sua società di produzione, Ora Media, ha twittato.

Non è stata fornita alcuna causa di morte, ma un portavoce ha detto il 4 gennaio che King aveva il COVID-19, aveva ricevuto ossigeno supplementare ed era stato spostato dalla terapia intensiva. Anche suo figlio Chance Armstrong ha confermato la morte di King, secondo quanto riferito dalla CNN.

Conduttore radiofonico di lunga data a livello nazionale, dal 1985 al 2010 è stato un appuntamento fisso della CNN, dove ha vinto numerosi riconoscimenti, tra cui due premi Peabody.

Con le sue interviste alle celebrità, i dibattiti politici e le discussioni di attualità, King non era solo una personalità duratura in onda.

Si distingueva anche per la curiosità che portava a ogni intervista, sia che interrogasse la vittima dell’aggressione conosciuta come il jogger di Central Park o l’industriale miliardario Ross Perot, che nel 1992 ha scosso la competizione presidenziale annunciando la sua candidatura allo show di King.

King ha condotto circa 50.000 interviste. Nel 1995 ha presieduto un vertice sulla pace in Medio Oriente con il presidente dell’OLP Yasser Arafat, re Hussein di Giordania e il primo ministro israeliano Yitzhak Rabin.

Ha accolto tutti dal Dalai Lama a Elizabeth Taylor, da Mikhail Gorbachev a Barack Obama, da Bill Gates a Lady Gaga.

Soprattutto dopo che si è trasferito a Los Angeles, i suoi spettacoli vertevano spesso sulle ultime notizie riguardanti le celebrità, tra cui Paris Hilton che parlava del suo periodo in prigione nel 2007 e agli amici e familiari di Michael Jackson che parlavano della sua morte nel 2009.

Larry King si vantava di non essersi mai preparato troppo per una intervista. Il suo stile anticonformista rilassava i suoi ospiti e lo rendeva facilmente identificabile con il suo pubblico.

“Non pretendo di sapere tutto”, ha detto in un’intervista del 1995 alla Associated Press.

Leggi anche: Accusata di aver abbandonato due bambini negli Stati Uniti, questa celebrità cinese (Zheng Shuang) ha acceso un dibattito nazionale sulla maternità surrogata
Seguiteci anche su Facebook & Twitter

Attualità

Pazzesco dalla Sardegna: souvenir con sabia e conchiglie trafugate dalle spiagge della Costa Smeralda La più grande compagnia assicurativa italiana “Generali S.p.A.” vuole acquisire la concorrente “Cattolica” di Assicurazioni
leggi articoli di  Attualità
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Attualità
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin
TEMI DI QUESTO POST Larry King morte Oggi