Le app per tracciare il virus funzionano veramente?

Le app per tracciare il virus funzionano veramente?

6 Dicembre 2020

     

Le app di Apple e Google

Mentre Apple e Google hanno rilasciato le app a maggio per aiutare a notificare alle persone l’esposizione a COVID-19, gli esperti dicono che lo scarso utilizzo ha finora portato a un modesto impatto sulla pandemia.

Le agenzie di sanità pubblica potrebbero quindi sviluppare le proprie app utilizzando l’interfaccia di nuova concezione o offrire notifiche di esposizione senza creare un’app, secondo un documento compilato dai giganti della tecnologia.

Minnesota

Il governatore del Minnesota Tim Walz, ad esempio, ha annunciato una nuova app chiamata COVIDaware MN alla fine del mese scorso.
“Secondo le ultime stime di cui sono a conoscenza (3 ottobre) c’erano solo 10 stati con circa il 20% della popolazione statunitense sulle app Google e Apple”, ha detto Jehi. “In molti di questi stati, l’adozione è molto bassa (3% in Nevada per esempio). I test COVID-19 non sono ancora prontamente disponibili e in genere occorrono diversi giorni per ottenere il risultato. Quindi, non sorprende che “le app non funzionino”. ”

Tuttavia, un team di scienziati dell’Università di Oxford in precedenza aveva detto alla CBC che solo una diffusione almeno del 15% potrebbe dare un impatto positivo, sulla base di simulazioni precedenti.

New York

Nello Stato di New York, ad esempio, il direttore dell’informazione pubblica Jonah Bruno afferma che uno strumento di notifica dell’esposizione chiamato COVID Alert NY è stato lanciato a ottobre. Ha detto che oltre 1,1 milioni di newyorkesi hanno scaricato l’app e più di 2.700 newyorkesi che hanno l’app mobile sono risultati positivi al COVID-19 fino ad oggi.

“Quasi 900 di queste persone hanno contrassegnato con successo il loro stato positivo COVID nell’app, attivando più di 800 notifiche di esposizione tra gli altri utenti dell’app”, ha affermato.

Per mettere questo numero in prospettiva, circa il 5% dei newyorkesi ha scaricato l’app, lo 0,27% di questi utenti è risultato positivo e, di quella cifra, meno di un terzo ha aggiornato l’app con il proprio stato COVID-19.

Jehi afferma che le app hanno incontrato resistenza negli Stati Uniti per i problemi di privacy in termini di dati sulla posizione. Secondo Google, tuttavia, Google e Apple dispongono di misure di sicurezza integrate per garantire che le app di tracciamento dei contatti governative create con il sistema di notifiche di esposizione non possano sapere dove si trovano le persone.

California

La California ha lanciato progetti pilota alla fine di settembre con l’Università della California di San Diego (UCSD) e il mese successivo con l’Università della California di San Francisco (UCSF) per vedere quanto bene la tecnologia di notifica dell’esposizione abbia funzionato nel notificare le persone e nel rallentare la diffusione del virus, secondo il Dipartimento della sanità pubblica della California.

UCSD afferma che 15.000 utenti, ovvero circa il 30-50% della comunità del campus, hanno attivato il software dal suo lancio e “più di una dozzina” di codici di verifica sono stati inviati agli studenti e al personale che utilizzavano il software e sono risultati positivi. L’UCSF stima che metà della sua popolazione nel campus abbia attivato lo strumento.

“Stiamo valutando questa tecnologia come uno strumento tra le tante misure che possiamo adottare per ridurre la diffusione di COVID-19 in California”, ha scritto un portavoce.

“Non sappiamo quante persone hanno ricevuto notifiche di esposizione. Sappiamo che alcune persone hanno ricevuto notifiche di esposizione, che le hanno spinte a cercare indicazioni su quarantena e test “.

Come far funzionare le app

Secondo il dottor Joshua Salomon, esperto di politiche di sanità pubblica presso la Stanford Medicine, un approccio efficace con la tecnologia dipende da diversi fattori, come quante persone decidono di utilizzare l’app, quanto è probabile che le persone segnalino un test positivo e come reagiscono le persone alla notifica di essere stati esposti – idealmente mettendosi in quarantena, sottoponendosi a test e collaborando con gli sforzi di tracciamento dei contatti del dipartimento sanitario locale.

“Quando tutti questi pezzi si uniscono, questo approccio potrebbe aiutare a ridurre la diffusione, soprattutto da persone che potrebbero essere infettate senza saperlo”, ha detto Salomon. “Con l’attuale ondata invernale che stiamo vedendo, abbiamo bisogno di una combinazione di molti strumenti diversi per cercare di prendere il controllo dell’epidemia. Quindi con un buon livello di partecipazione e adesione, le app di notifica dell’esposizione potrebbero fare la differenza”.

Le app non sostituiranno altre misure ancora “urgentemente necessarie in questo momento”, come indossare le mascherine, mantenere le distanze ed evitare i raduni.

Leggi anche: Un uomo del New Jersey dona iPad per aiutare le persone negli ospedali durante la pandemia
Seguiteci anche su Facebook & Twitter

Gli hacker attaccano le reti informatiche della più grande azienda di carni e chiedono un riscatto Agevolazioni fiscali per gli sviluppatori di videogiochi: l’annuncio del Ministro alla Cultura Dario Franceschini WhatsApp e Netflix potranno essere utilizzati anche sulla luna: chattare e guardare i film sarà presto possibile per gli astronauti  Taxi e ambulanze voltanti nei cieli d’Europa tra tre anni: l’annuncio dell’Agenzia europea per la sicurezza aerea Pornhub ha rilasciato la retro collection di film per adulti Missione spaziale su Marte con un robot senza pilota: dopo la Nasa anche i cinesi atterrano sul suolo marziano
leggi articoli di  Tecnologia
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Tecnologia Condividi adesso
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin
TEMI DI QUESTO POST app Apple Covid google Oggi tracciare virus