Matrimonio celebrato in un reparto Covid-19 di un ospedale indiano

La sposa indiana invece di un classico sari da matrimonio, indossava una tuta protettiva, visiera e mascherina
sei in  Curiosità

7 mesi fa - 30 Aprile 2021

Matrimonio celebrato in un reparto Covid-19 di un ospedale indiano.

Una cerimonia diversa da quella che avevano sognato, una coppia indiana si è detta di sì alla presenza di alcuni pazienti infetti dal coronavirus e del personale ospedaliero, nel reparto covid-19.

La sposa indiana invece di un sari da matrimonio, indossava indumenti protettivi dal covid-19.

Il suo sposo indossava una semplice camicia blu e una mascherina bianca.

La coppia si è sposata e si è scambiata le corone e la famiglia ha organizzato una festa per tutti i pazienti infetti da covid-19 e per il personale ospedaliero.

Un matrimonio diverso che si svolto in un ospedale indiano ed in particolare in un reparto covid.

La coppia di sposini stata identificata come Sarath Mon S e Abhirami, il cui matrimonio era previsto per il 25 aprile.

Un mese fa, lo sposo era tornato dal Qatar ed era risultato negativo al test per il coronavirus.

Settimane dopo, mentre le famiglie della coppia si stavano preparando per il matrimonio Sarath e sua madre avevano difficoltà a respirare e sono risultati positivi al virus.

Il matrimonio della coppia era previsto per lo scorso anno e successivamente è stato rinviato a causa della pandemia; le due famiglie hanno deciso di non rimandare nuovamente la cerimonia.

Cosi la sposa, non infettata dal covid-19, ha indossato tutti i dispositivi di protezione, tra cui tuta, mascherina e visiera, ed è andata in Ospedale.

Arrivata nel reparto dove era ricoverato il suo promesso sposo e la mamma di quest’ultimo, la coppia si è unita in matrimonio.

Leggi anche: La mascherina più unica al mondo contro covid-19: l’ampolla con un “giardino” mobile con piante.

Seguiteci anche su Facebook & Twitter

Matrimonio celebrato in un reparto Covid-19 di un ospedale indiano
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin
TEMI DI QUESTO POST