Nel teatro lirico più antico al mondo (a Napoli) lo spettacolo deve continuare nonostante la pandemia

A Napoli nel teatro lirico più antico del mondo ... the show must go on! Grazie anche all'aiuto del social network Facebook.
sei in  Cultura

1 anno fa - 16 Dicembre 2020

Teatro San Carlo

Il teatro lirico più antico del mondo, il Teatro di San Carlo di Napoli, è sopravvissuto a guerre, incendi e alla rivoluzione napoletana.

Ma quest’anno, mentre il teatro lancia il suo programma della stagione invernale, le porte al pubblico sono rimaste chiuse. Il teatro non ha visto un pubblico dal vivo da marzo, il periodo più lungo della sua storia, a causa del coronavirus pandemico.

Costruito nella città meridionale di Napoli sotto il dominio del re Carlo di Borbone nel 1737, il teatro dell’opera conserva ancora la grandiosità del tempo. Il suo obiettivo era fare di Napoli una grande capitale europea .

La storia

Da allora, il palcoscenico del San Carlo ha ospitato alcune delle figure più iconiche delle arti della musica: i cantanti lirici Luciano Pavarotti e Maria Callas, il direttore d’orchestra di fama mondiale Igor Stravinsky e la ballerina Carla Fracci, ultima delle quali ha guidato la compagnia di danza del teatro, che è la più antica d’Italia.

La pandemia

Ora il teatro si sta adeguando alle ultime restrizioni legate alla pandemia che hanno chiuso le istituzioni culturali in tutta Italia. Per la prima volta il San Carlo propone spettacoli al pubblico virtualmente.

“Questo teatro doveva pensare a qualcosa di nuovo, uscire da una crisi profonda e allo stesso tempo essere vicino al pubblico”, ha detto Emmanuela Spedaliere, amministratrice delegata del San Carlo.

Le perdite

Senza introiti dalla vendita dei biglietti, il San Carlo sta affrontando perdite per oltre 7 milioni di euro e per restare a galla fa molto affidamento sui finanziamenti della Regione Campania e del Ministero della Cultura.

Il teatro e Facebook

Il 4 dicembre, il teatro dell’opera ha presentato il suo primo spettacolo online con biglietto, il risultato di una partnership con Facebook.

Secondo la Spedaliere, la piattaforma di social media permetterà una performance orchestrale in streaming e si è offerta di collaborare con loro in una serie di eventi a pagamento.

Il team del San Carlo ha deciso di adottare un approccio democratico alla vendita dei biglietti. “La politica che abbiamo preso è stata quella di offrire un biglietto che costa 99 centesimi per tutti perché una delle riflessioni più importanti, riguardo al Covid, è stata che ci ha fatto sentire davvero tutti uguali”, ha detto Spedaliere.

“La possibilità che tutti possano accedere al mondo dell’opera con questo biglietto ci dà un senso di uguaglianza”.

Leggi anche: I 10 libri di racconti di Natale più belli
Seguiteci anche su Facebook & Twitter

Nel teatro lirico più antico al mondo (a Napoli) lo spettacolo deve continuare nonostante la pandemia
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Cultura Condividi adesso
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin
TEMI DI QUESTO POST Covid lirica napoli Oggi San Carlo