OMS: Il lancio del vaccino in Europa è “inaccettabilmente lento”
Salute

OMS: Il lancio del vaccino in Europa è “inaccettabilmente lento”

L’OMS e il vaccino in Europa

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha criticato il lento lancio del vaccino in Europa definendolo “inaccettabilmente lento” in una recente dichiarazione, indicando il basso tasso di europei che sono stati completamente vaccinati.

Solo il 10% dei cittadini dell’Europa ha ricevuto almeno una dose del vaccino COVID-19 e solo il 4% è stato completamente vaccinato, secondo l’OMS.

“I vaccini rappresentano la nostra migliore via d’uscita da questa pandemia. Non solo funzionano, ma sono anche molto efficaci nel prevenire le infezioni”, ha dichiarato mercoledì scorso in una dichiarazione il Dr. Hans Henri P. Kluge, direttore regionale dell’OMS per l’Europa.

“Finché la copertura rimane bassa, dobbiamo applicare le stesse misure di salute pubblica e sociali che abbiamo in passato, per compensare i ritardi nei programmi”,

“Sia chiaro: dobbiamo accelerare il processo aumentando la produzione, riducendo gli ostacoli alla somministrazione dei vaccini e utilizzando ogni singola fiala che abbiamo in magazzino, ora”.

Negli Stati Uniti, il 32% della popolazione ha ricevuto almeno una dose di vaccino e il 18,5% della popolazione è completamente vaccinata, secondo i Centers for Disease Control and Prevention .

L’Europa ha assistito a un aumento della trasmissione del virus nelle ultime settimane, inclusa la variante B.1.1.7 più trasmissibile che è stata rilevata per la prima volta nel Regno Unito e che ora è la variante dominante in Europa.

Come risultato dell’aumento dei casi, 27 paesi del continente sono ora in lockdown nazionale parziale o totale, molti impongono il coprifuoco notturno.

La probabilità che si verifichino nuove varianti aumenta con la velocità con cui il virus si replica e si diffonde, quindi è fondamentale limitare la trasmissione attraverso azioni di controllo della malattia di base”, ha affermato la dott.ssa Dorit Nitzan, direttrice regionale dell’emergenza per l’ufficio regionale dell’OMS per l’Europa, ha detto in una dichiarazione.

Il lancio del vaccino in Europa è stato afflitto da problemi di fornitura e disaccordi sui contratti di fornitura di vaccini con le aziende farmaceutiche.

Il caso AstraZeneca

AstraZeneca, il vaccino su cui l’Europa ha scommesso più pesantemente, ha ridotto il numero di dosi che ha affermato di poter fornire all’Unione europea a causa della scarsa fornitura e dei contratti con altri paesi.

A marzo, più di 20 paesi, tra cui Germania, Francia, Italia, Spagna e Paesi Bassi, hanno interrotto i loro programmi AstraZeneca per timori sui coaguli di sangue.

Da allora quei paesi hanno ripreso le vaccinazioni a seguito di un’indagine dell’Agenzia europea per i medicinali che ha riscontrato che il vaccino è sicuro ed efficace.

Leggi anche: Pfizer afferma che il suo vaccino COVID-19 è efficace al 100% nei bambini di età compresa tra 12 e 15 anni

Seguiteci anche su Facebook & Twitter

Grave lutto per i Pooh: è morto Alex De Benedictis
alex de benedictis
Grave lutto per i Pooh: è morto Alex De Benedictis
Natale naturale: 9 idee per decorare con le piante
arredamento
Natale naturale: 9 idee per decorare con le piante
Stella di Natale: 10 cose da sapere
lifestyle
Stella di Natale: 10 cose da sapere

Peoplenow.it è partner di Smart eCommerce. La piattaforma editoriale e pubblicitaria per i siti ed i blog di informazione on-line. Smart eCommerce è curatore tecnologico e proprietario dei server che ospitano il sito. Smart eCommerce è curatore commerciale per la monetizzazione del traffico del sito. Chiedi info via e-mail ad adv@smartecommerce.it