Poliziotta accoltellata a morte in Francia al grido di “Allah è grande!”

Un tunisino di 36 anni è entrato in una stazione di polizia e ha tagliato la gola alla donna poliziotto
sei in  Mondo

7 mesi fa - 23 Aprile 2021

Poliziotta accoltellata a morte in Francia al grido di “Allah è grande!”

Una poliziotta è morta dopo essere stata accoltellata. Un uomo di origine tunisina ha gridato “Allahu Akbar!” (Allah è grande!) e poi ha attaccato la donna poliziotto. Il fatto è avvenuto in una stazione di polizia nella città di Rambouillet (circa 40 chilometri a sud-ovest della capitale francese).

Il ministro dell’Interno francese Gerald Darmanen è arrivato alla stazione di polizia di Rambouillet, una città di quasi 26mila abitanti e ha riferito che l’autore dell’attacco è morto per le ferite.

Nella città di Rambouillet, a 45 km da Parigi, in una stazione di polizia, un uomo armato di due coltelli ha aggredito uno degli agenti delle forze dell’ordine.

Le motivazioni dell’attacco sono ancora sconosciute, l’attentatore è stato ferito durante il suo arresto ed è morto per le ferite riportate.

Secondo le agenzie di stampa francesi, la poliziotta di 48 anni, era madre di due figli e lavorava presso la reception del commissariato.

La donna poliziotta sarebbe stato colpita alla gola dai fendenti dei coltelli.

Un poliziotto che era presente, ha cercato di proteggere la sua collega, ferendo l’assassino con due proiettili.

L’identità dell’attentatore non è stata ancora resa nota. Il primo ministro Jean Casteks e il ministro dell’Interno Gerald Darmanen hanno già annunciato che andranno a Rambouillet.

L’aggressore è un cittadino tunisino di 36 anni arrivato in Francia nel 2009 e solo tre anni fa ha ricevuto il permesso di soggiorno.

Si era recentemente trasferito a Rambouillet e ha lavorato come corriere. Non era registrato presso la polizia e non era noto per essere estremista islamico.

La natura terroristica dell’attacco non è stata ancora confermata, ma il capo dell’Assemblea nazionale Marine Le Pen ha già mosso accuse al governo:

“Gli stessi orrori si susseguono le stesse persone colpevoli di questa barbarie , le stesse motivazioni islamiste. Non è più possibile “.

Leggi anche: Jacob Blake ha intentato una causa contro l’agente di polizia che gli ha sparato lasciandolo parzialmente paralizzato. 

Seguiteci anche su Facebook & Twitter

Poliziotta accoltellata a morte in Francia al grido di “Allah è grande!”
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Mondo Condividi adesso
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin
TEMI DI QUESTO POST