Salma Hayek ha detto che stava morendo a causa del coronavirus

La malattia della star è stata molto difficile: Salma ha ammesso di essere stata sull'orlo della morte.
sei in  Gossip

7 mesi fa - 21 Maggio 2021

Salma Hayek ha detto che stava morendo a causa del coronavirus.

In un’intervista, l’attrice ha affermato di aver avuto il coronavirus.

La malattia della star è stata molto difficile: Salma ha ammesso di essere stata sull’orlo della morte.

E’ stata persino collegata a un ventilatore e ha trascorso circa sette settimane in isolamento a casa sua.

Il mio medico mi ha pregato di andare in ospedale perché ero molto malata. Ma ho detto di no, è meglio morire a casa, ha detto.

Nonostante si sia ripresa dalla malattia, le sue conseguenze influenzano ancora lo stato dell’attrice: Hayek ha ammesso di essere molto stanca.

Pertanto, il lavoro nel film La casa di Gucci, in cui ha recitato con Lady Gaga e Adam Driver, si è rivelato il volume ottimale per lei.

Non ci è voluto molto ed è stato facile. Lavoro perfetto. Non potevo più lavorare perché ero molto stanco, ha detto.

Nell’intervista, Hayek ha anche parlato di un saggio che ha scritto per il New York Times nel 2017.

In esso, la star ha parlato delle molestie di Harvey Weinstein, che ha affrontato personalmente.

Nell’articolo, ha scritto che il produttore le ha suggerito di fare una doccia con lui e anche di fare sesso orale con lui.

Secondo Salma, l’esperienza di scrivere un saggio è stata dolorosa per lei.

Quando è emersa tutta questa storia di Harvey, non sapevo che fosse successo a così tante donne. Sono caduto in una grave depressione per diversi mesi. Quando stavo scrivendo l’articolo, non ero affatto sicuro che l’avrei mostrato a qualcuno, ha detto Salma.

L’attrice stava così morendo a causa del coronavirus.

Leggi anche: Angelina Jolie e Salma Hayek e altri nel film di supereroi The Eternals: i primi scatti.

Seguiteci anche su Facebook & Twitter

Salma Hayek ha detto che stava morendo a causa del coronavirus
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Gossip Condividi adesso
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin
TEMI DI QUESTO POST