Stracult: stanotte diremo addio al programma Rai per cinefili

Dopo vent'anni è stato inspiegabilmente chiuso "Stracult Live Show" di Marco Giusti, l'unico programma che raccontava il Cinema in TV.
di redazione
2 mesi fa
23 Novembre 2020

Triste appuntamento, quello di stanotte, per tutti i cinefili all’ascolto. Il mitologico programma “Stracult Live Show” chiuderà ufficialmente i battenti oggi, lunedì 23 novembre alle ore 23.40. Il programma sul Cinema di Rai 2 ideato da Marco Giusti e condotto assieme a Andrea Delogu e Fabrizio Biggio da vent’anni ha meritatamente fatto la storia della televisione.

La storia del programma

In onda dal luglio del 2000, il titolo “Stracult” è un riferimento ai migliori cosiddetti cult movie, visto la trasmissione rivisita la storia del cinema popolare fin dalle sue origini riproponendone in diretta più iconiche sequenze. Questi spezzoni tratti dalle pellicole pop e anche le numerose interviste a seguire sono lo spunto per ricostruire anche aneddoti, fatti e rapporti tra attori, registi e produttori dietro la macchina da presa.

La sua realizzazione si era originariamente ispirata proprio all’omonimo libro di Marco Giusti “Stracult. Dizionario dei film italiani”, pubblicato da Sperling & Kupfer nel 1999 e riedito da Frassinelli in edizione aggiornata nel 2004.

Stracult, insomma, è stato fino ad adesso l’unico, inimitabile programma della televisione “in difesa del cinema italiano che spacca”, di quello che, cioè, continua ancora a dividere pubblico e critica.

Le motivazioni della chiusura del programma

Alla chiusura di Stracult avrebbero contribuito una serie di fattori. Quello che ha più condizionato per la chiusura dei battenti è stata, però, l’attuale emergenza da COVID-19 che sta costringendo i dirigenti Rai a ridimensionarsi nella messa a disposizione del proprio budget.

Nonostante sia in età pensionabile, il settantenne Marco Giusti avrebbe fortemente voluto non far chiudere il programma:
Non mi hanno chiesto nulla. E non mi hanno neanche parlato di ascolti. Che devo dire, se le cose si vogliono fare, si fanno: ma non mi sembra questo il caso“.

Il dispiacere di Marco Giusti

Il sagace ideatore di Stracult non riesce ancora a capacitarsi dell’inaspettata chiusura del programma, sospettando che la decisione sia stata presa dall’alto per ragioni che gli sono tuttora ignote e forse non proprio legate alla sua età:

“Sorrido a pensare che quando sono entrato in Rai c’erano Bruno Vespa e Michele Guardì, ed erano già considerati un po’ antichi. Sono sempre lì e nessuno si pone alcun problema”.

“Presentiamo a ogni puntata i migliori film in uscita, RaiCinema intanto produce a tutto spiano con il paradosso che la Rai non avrà più un vero programma dove si parla dei film (Stracult). E questo con le sale chiuse mentre muove tutto in altra direzione, girano produzioni a tre tamponi alla settimana allo staff pur di assicurare prodotti per lo streaming”.

L’addio di stanotte

Quello di stanotte sarà ovviamente un ultimo appuntamento col programma carico di emozioni. Registi, attori, personaggi del mondo del cinema e dello spettacolo invieranno un saluto all’ideatore e conduttore Marco Giusti, prossimo alla pensione.

Gli ospiti di questa puntata finale saranno i registi Luca Guadagnino che ci regalerà una sua riflessione sul cinema del futuro e Daniele Vicari che ha diretto, insieme a Emanuele Scaringi, la serie tv di Rai 2 “L’alligatore”.
Ai due cineasti si aggiungerà l’ex modella prestata alla celluloide Nike Arrighi, protagonista del film di culto come “Effetto notte” di François Truffaut, “Sympathy for the Devil” di Jean-Luc Godard e l’horror “Contessa Dracula”.

L’importanza di Stracult

Da vent’anni Stracult è stato l’unico programma in televisione a riportare alla ribalta chicche di film di guerra, western, commedie, spionistici e comici mai andati in onda sui canali generalisti.

L’intento di dare agli autori e agli attori di quei film sconosciuti nuova vita restituendo loro dignità è stata una missione oseremmo dire nobile, come sottolinea anche l’affranto Giusti: “Ci chiudono, buon per loro. Ma vorrei capire perché, e non ci riesco.

Leggi anche: “The Rossellinis: è uscito il documentario sulla famiglia Rossellini
Continua a seguirci sui nostri social Facebook e Twitter!