Tina Turner si racconta attraverso la moda

"Posso vedere la storia della mia vita attraverso i vestiti che indossavo", ha detto Tina Turner. "C'era sempre una connessione".
sei in  People

1 anno fa - 4 Dicembre 2020

Tina Turner

Tina Turner, la regina del rock ‘n’ roll, è diventata di recente un’ottantenne e festeggia con stile.
Con l’uscita della sua autobiografia, “That’s my life” riflette sul modo in cui il suo senso di spavalderia e spiritualità si riflettono nelle mode e nelle espressioni artistiche che abbracciano la sua pluri-decennale carriera.

Oltre alla sua musica e alla sua incredibile storia di vita, la Turner è nota per il suo stile iconico, con abiti ricoperti di paillettes a cascata, capelli vistosi, tacchi altissimi e minigonne.

L’autobiografia

In “That’s My Life” l’artista racconta visivamente l’abbigliamento, le amicizie, le collaborazioni, le esibizioni e i momenti decisivi che dimostrano ciò che lei descrive come un cambiamento graduale nella sua presenza e atteggiamento, mentre “È diventata più forte, più sicura di sé, più felice, amata.”

Il libro presenta anche le sue collaborazioni speciali con il fotografo di moda tedesco Peter Lindbergh, scomparso l’anno scorso. L’omaggio della Turner a Lindbergh include istantanee della sua scalata alla Torre Eiffel con i tacchi e un ritratto che si concentra su uno speciale anello per il pollice – uno dei beni più preziosi di Turner – che adornano il suo dito mentre si gode una bevanda calda. Una replica dell’anello è recentemente diventata disponibile per l’acquisto tramite il Looping Group Shop.

“That’s my life”, tuttavia, non sono solo scatti glamour ed editoriali.
“Sono fedele a me stessa”, scrive. “Mi piace quando una fotografia cattura le mie emozioni più intime e le fa prendere vita. ”

L’intervista

Il sito NBCBLK ha incontrato Tina per parlare del suo nuovo libro e di come il gusto iconico della leggendaria artista per la moda abbia riflesso a lungo il suo mondo interiore.
Questa intervista è stata leggermente modificata e condensata per chiarezza.

– In che modo la moda ha avuto un ruolo durante i periodi di reinvenzione ed evoluzione della tua carriera?

– Turner: Quando guardo indietro, posso vedere la storia della mia vita attraverso i vestiti che indossavo. C’era sempre una connessione. L’opportunità di cantare con Ike nei primi giorni era come qualcosa uscito da una favola per un adolescente il cui sogno era quello di esibirsi sul palco. Mi sentivo così elegante nel mio abito, come una principessa. Ma quell’abito era una prigione, proprio come il mio matrimonio. Volevo muovermi, quindi le mie gonne si sono accorciate e sono diventante meno costrittive perché la libertà era importante per me, sul palco e nella vita.

– Che tipo di messaggi speravi di trasmettere attraverso il modo in cui ti vestivi sul palco?

– Turner: volevo creare un’atmosfera di rispetto reciproco. Non mi sono mai vestita per attirare gli uomini del pubblico. Volevo mostrare alle donne che era possibile apparire glamour ed eccitanti senza essere immodeste – che mi piaceva avere un bell’aspetto in un modo gioioso e celebrare la mia femminilità senza sfruttarla.

Ho avuto spesso tre generazioni di fan ai miei concerti: nonne, madri e padri, adolescenti e bambini. Volevo che tutti si sentissero a proprio agio perché si trattava di divertirsi insieme.

– Cosa speri che le donne imparino sulle scelte che hai fatto riguardo al tuo stile personale?

– Turner: Spero che le donne impareranno che dovrebbero vestirsi per esprimere il proprio potere e la propria bellezza, e non piegarsi all’idea di qualcun altro di ciò che è di moda. Certo, guardiamo noi stessi e vediamo i difetti. La mia vita è troppo corta e le mie gambe sono troppo lunghe, ma ho imparato ad abbracciare il negativo e farlo funzionare per me.

Il buddismo mi ha insegnato che la bellezza interiore, la bellezza che deriva dall’amare e accettare te stesso, le imperfezioni e tutto il resto, si irradia all’esterno. Che io indossi un abito firmato o un paio di vecchi jeans, sono sempre la stessa Tina. È la felicità che diventa me.

Leggi anche: Secondo Obama l’unico suo errore riguarda Dolly Parton
Seguiteci anche su Facebook & Twitter

Tina Turner si racconta attraverso la moda
CONTINUA LA LETTURA
Homepage People Condividi adesso
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin