Un cimitero nel giardino di casa di un’ex poliziotto erano seppelliti decine di cadaveri di donne

Almeno dieci persone sono accusate dalla Polizia tra cui tra ex agenti di polizia e trafficanti di esseri umani
sei in  Mondo

7 mesi fa - 21 Maggio 2021

Un cimitero nel giardino di casa di un’ex poliziotto erano seppelliti decine di cadaveri di donne nello stato latino-americano di El Salvador.

Sono stati ritrovati i resti di 24 persone sepolte nel cortile di un ex agente di polizia.

I cadaveri di 24 persone sono stati ritrovati nel cortile di casa di un ex poliziotto che è poi diventato il capo di una banda in El Salvador.

Il ritrovamento dei resti di 24 corpi ha provocando una grave scossa nel paese latino-americano.

I funzionari di polizia hanno detto che il suo cortile potrebbe contenere fino a 40 cadaveri di persone.

Si ritiene che la maggior parte siano corpi di donne o ragazze.

La tumulazione di tutti i cadaveri che l’ex poliziotto teneva sepolti nel giardino di casa può richiedere fino a un mese.

La polizia di stato del piccolo stato latinoamericano crede che questo ritrovamento indichi un giro segreto di omicidi che l’uomo ha commesso da più di un decennio.

El Salvador è tra gli stati con il più alto tasso di omicidi di donne in America Latina.

L’ex agente di polizia Ernesto Osorio Chavez, 51 anni, era stato arrestato a Chachuapa per aver ucciso due donne, una di 57 anni e sua figlia di 26 anni.

L’uomo è stato precedentemente indagato per crimini sessuali e ha confessato questi omicidi alla polizia.

Quando le squadre di polizia hanno perquisito la casa, hanno trovato almeno sette buche con corpi umani, alcune delle quali potrebbero essere state sepolte due anni fa.

Almeno dieci persone sono accusate in questo caso. Tra i sospettati ci sono ex agenti di polizia, ex soldati e trafficanti di esseri umani, ha detto il comandante della polizia civile Mauricio Arriaza Chicas.

I pubblici ministeri affermano che potrebbero esserci minori di età compresa tra due e nove anni tra le vittime.

Giovedì una squadra di specialisti forensi ha portato fuori i resti di almeno 14 persone uccise e sepolte nella casa dell’ex agente di polizia poi diventato un capobanda nell’ovest di El Salvador.

La squadra, vestita di tutta l’attrezzatura di sicurezza biologica, è entrata a casa dell’ex poliziotto nella città di Chalchuapa per riesumare i cadaveri dal giardino.

Il ministro della Giustizia e della Sicurezza Gustavo Villatoro ha detto che almeno 14 corpi sono stati trovati sepolti separatamente a casa di Osorio Chavez.

L’ex poliziotto è stato arrestato l’8 maggio come principale sospettato dell’omicidio di due donne, dopo che i vicini avevano allertato le autorità.

Ciò ha portato la polizia a entrare nella sua casa, dove hanno iniziato a scoprire i corpi.

Villatoro ha detto che i campioni di DNA vengono raccolti dai residenti dell’area a cui mancava un parente per vedere se corrispondeva a qualcuno dei corpi.

La casa dell’ex poliziotto, che si affaccia su un campo di canna da zucchero, è stata bloccata dalla polizia, impedendo ai giornalisti di entrare nell’area.

Mercoledì un giudice ha ordinato l’arresto di 11 persone legate a Osorio Chavez.

I complici sono stati accusati di femminicidio aggravato e omicidio aggravato.

Nel 2020 la piccola El Salvador, 6,5 milioni di abitanti, ha chiuso l’anno con 1.322 omicidi, una media di 20 ogni 100.000 abitanti.

La cifra è tuttavia notevolmente inferiore al 2019, e la più bassa dalla fine dell’aspra guerra civile del Paese nel 1992, secondo i dati ufficiali.

Un cimitero nel giardino di casa di un’ex poliziotto erano seppelliti decine di cadaveri di donne nello stato latino-americano di El Salvador.

Leggi anche: La sfilata della casa di moda francese Chanel Cruise: gli abiti della linea 2021/2022.

Seguiteci anche su Facebook & Twitter

Un cimitero nel giardino di casa di un’ex poliziotto erano seppelliti decine di cadaveri di donne
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Mondo Condividi adesso
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin
TEMI DI QUESTO POST Oggi