Un razzo a propulsione nucleare potrebbe portare gli astronauti su Marte più velocemente


Un razzo a propulsione nucleare potrebbe portare gli astronauti su Marte più velocemente

Entro il 2035, la NASA vuole far atterrare gli esseri umani su Marte. Ma raggiungere il pianeta rosso, in media a circa 140 milioni di miglia di distanza, sarà un’impresa gigantesca. Michael Eades, direttore dell’ingegneria dell’USNC-Tech, afferma che i razzi a propulsione nucleare sarebbero più potenti e due volte più efficienti dei motori chimici utilizzati oggi, il che significa che potrebbero viaggiare più lontano e più velocemente, bruciando meno carburante.

Più freddo dell’Antartide e con poco o nessun ossigeno, Marte è un ambiente ostile. Più tempo impiegano gli astronauti per arrivarci e più sono a rischio.

Ecco perché gli scienziati stanno cercando modi per ridurre il tempo di viaggio. La società Ultra Safe Nuclear Technologies (USNC-Tech) con sede a Seattle ha proposto una soluzione: un motore a propulsione termica nucleare (NTP) che potrebbe portare gli esseri umani dalla Terra a Marte in soli tre mesi.

Attualmente, il viaggio più breve possibile per un veicolo spaziale senza pilota è di sette mesi, ma si prevede che una missione con equipaggio richiede almeno nove mesi.

La tecnologia nucleare espanderà la portata dell’umanità oltre la bassa orbita terrestre e nello spazio profondo“.
Oltre a consentire i viaggi spaziali umani, potrebbe aprire lo spazio a opportunità di business galattiche, dice.

 

La maggior parte dei razzi oggi sono alimentati da motori chimici. Questi potrebbero portarti su Marte, ma ci vorrebbe molto tempo – almeno tre anni per un viaggio di andata e ritorno – afferma Jeff Sheehy, ingegnere capo della direzione della missione della tecnologia spaziale della NASA.

La NASA vuole arrivarci più velocemente, per ridurre al minimo il tempo dell’equipaggio nello spazio, dice. Ciò ridurrebbe la loro esposizione alle radiazioni spaziali, che possono causare problemi di salute tra cui malattie da radiazioni, aumento del rischio di cancro nel corso della vita, effetti sul sistema nervoso centrale e malattie degenerative.

Ridurrebbe anche il rischio complessivo della missione. “Più tempo sei là fuori, più tempo c’è perché le cose vadano male“, aggiunge.
Ecco perché l’agenzia spaziale sta cercando di sviluppare razzi a propulsione nucleare.

Un sistema NTP utilizza un reattore nucleare per generare calore da un combustibile di uranio. Quell’energia termica riscalda un propellente liquido, solitamente idrogeno liquido, che si espande in un gas e viene proiettato fuori, producendo così la spinta.

I razzi NTP producono il doppio della spinta per unità di propellente rispetto a un sistema chimico. Ciò significa che la tecnologia potrebbe portare gli astronauti su Marte e tornare indietro in meno di due anni.

Leggi anche: SpaceX sta per lanciare nello spazio un equipaggio di soli civili e 1 posto è in palio
Seguiteci anche su Facebook & Twitter


Peoplenow.it è partner di Smart eCommerce. La piattaforma editoriale e pubblicitaria per i siti ed i blog di informazione on-line. Smart eCommerce è curatore tecnologico e proprietario dei server che ospitano il sito. Smart eCommerce è curatore commerciale per la monetizzazione del traffico del sito. Chiedi info via e-mail ad adv@smartecommerce.it