Zoya Manaenko, la donna che castra i pedofili in Kazakistan

Zoya Manaenko, la donna che castra i pedofili in Kazakistan

25 Novembre 2020

     

Abusare sessualmente di un minore privandolo della sua innocenza e creandogli nella psiche macro-traumi indelebili che spesso debiliteranno l’andamento di una vita intera, è senza dubbio il peggiore dei crimini. Il 90% dei sistemi giudiziari mondiali condanna questo orrore contro l’Umanità con una lunga e severa pena detentiva ma molti cittadini ritengono che per questi mostri l’isolamento non sia sufficiente.

In Kazakistan, ad esempio, negli ultimi anni le leggi contro la pedofilia si sono inasprite a tal punto che, oltre al carcere, chiunque commetta questo reato è sottoposto ad un ciclo di iniezioni per inibirne la libido. L’infermiera addetta a questa operazione si chiama Zoya Manaenko.

Chi è Zoya Manaenko

Zoya Manaenko ha 68 anni e lavora come infermiera all’interno di una prigione kazaka col compito di castrare chimicamente i delinquenti incarcerati per reati sessuali contro minori.

La Manaenko è convinta che questa pratica di iniettare un siero anti-androgeno steroideo sui pedofili sia la soluzione più adeguata per ottundere i loro istinti animali:

Credo che si tratti della decisione giusta, queste persone devono essere fermate in qualche modo. Commettono dei crimini terribili contro i bambini. Pertanto, è giusto che la legge agisca in questo modo. I criminali devono sapere che qualsiasi reato verrà punito, perché a volte questo li trattiene. Non solo verranno incarcerati ma perderanno anche la loro forza mascolina.

La guerra di Zoya ai pedofili

La “castratrice”, così com’è chiamata in Kazakistan Zoya Manaenko, non prova particolari rimorsi per il lavoro che svolge.
È un mio dovere professionale. I condannati vengono qui per decisione del tribunale. Non provo emozioni particolari“.

L’infermiera non si spaventa neanche quando le chiedono di raccontare la procedura abituale che esegue ogni volta per la castrazione:
Si tratta di una normale iniezione intramuscolare nel gluteo. Il medicinale viene iniettato lentamente, ci vuole tempo perché si tratta di un farmaco oleoso”. La Manaenko ripete ogni 12 giorni allo stesso detenuto questa particolare iniezione.

Leggi anche: “I giardini-labirinto più belli d’Italia dove perdersi per ritrovarsi
Seguici sui nostri canali social Facebook e Twitter!

L’Italia si ritira dall’Afghanistan con la bandiera abbassata ad Herat: dopo 20 anni finisce la missione militare Il presidente francese Emmanuel Macron è stato schiaffeggiato da un cittadino: era in visita ufficiale nel sud della Francia Jeff Bezos: l’uomo più ricco del mondo realizza il suo sogno perché il mese prossimo viaggerà nello spazio con suo fratello Sensibilizza le persone sul covid-19 scendendo in strada vestito da clown OMS: bisogna imparare a convivere con il covid-19 per prevenire la crescita dei contagi del virus Carroattrezzi da 8 tonnellate per sequestrare un monopattino elettrico da 4 kg: la polizia derisa sui social network
leggi articoli di  Mondo
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Mondo Condividi adesso
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin
TEMI DI QUESTO POST attualità kazakistan Oggi pedofilia zoya manaenko