Anthony Hopkins ha parlato della dipendenza che lo ha quasi ucciso

L'attore 83enne Anthony Hopkins, ha rilasciato una franca intervista, in cui ha confessato la dipendenza che lo ha quasi ucciso.
sei in  Gossip

7 mesi fa - 18 Maggio 2021

Anthony Hopkins ha parlato della dipendenza che lo ha quasi ucciso

L’attore 83enne Anthony Hopkins, ha rilasciato una franca intervista, in cui ha confessato la dipendenza che lo ha quasi ucciso.

Nonostante la sua considerevole età, Hopkins continua a recitare attivamente nei film, combinando il lavoro con un hobby: disegnare immagini e scrivere musica.

Inoltre, Hopkins è felicemente sposato da molti anni.

Fu la moglie che, avendo ritrovato i vecchi disegni del marito nel suo garage, lo convinse a riprendere questa attività.

Poche persone sanno che Hopkins potrebbe non essere stato all’altezza dei suoi 83 anni e il pubblico potrebbe non aver visto molti dei suoi ruoli brillanti.

Nel 1975, l’attore abbandonò il palco e cadde in un alcolismo sfrenato.

Presto volò in America, dove finalmente impazzì.

Ad un certo punto sono finito in ospedale con un coagulo di sangue nella gamba. Il dottore mi ha detto: “Non vivrai fino a 40 anni se continui con lo stesso spirito. So quanto bevi e fumi. Non vivrai a lungo”, ha detto Hopkins.

Ora l’attore ammette: vive nonostante tutto e ancora non capisce fino in fondo come sia riuscito a scappare allora.

Ha ammesso che mentre beveva, è diventato aggressivo e la rabbia è un fenomeno distruttivo per qualsiasi persona.

Sono stato fortunato a sopravvivere. Diversi amici, con i quali ero in quel caos sfrenato, sono morti, ha detto.

Il secondo Hopkins chiama la sua dipendenza non ufficiale da sparare nei film.

Ammette: non appena i ruoli per lui saranno finiti, lui stesso cesserà di esistere.

Leggi anche: Oscar 2021: l’attore Anthony Hopkins vince il premio di miglior attore.

Seguiteci anche su Facebook & Twitter

Anthony Hopkins ha parlato della dipendenza che lo ha quasi ucciso
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Gossip Condividi adesso
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin
TEMI DI QUESTO POST