Cocaina nascosta tra le banane: sequestro record di 10 quintali di sostanza stupefacente nascosta in un container

Operazione della Guardia di Finanza nel porto di Gioia Tauro in Calabria.
sei in  Cronaca

6 mesi fa - 4 Giugno 2021

Cocaina nascosta tra le banane: sequestro record di 10 quintali di sostanza stupefacente nascosta in un container.

In un’operazione la Guardia di Finanza ha sequestrato 1,1 tonnellate di cocaina, spedita dall’Ecuador e in un container di banane nel porto della Calabria.

Gli uomini della Guardia di Finanza ed i funzionari dell’Amministrazione delle Dogane hanno identificato oltre una tonnellata di cocaina spedita dall’Ecuador al porto di Gioia Tauro.

La sostanza stupefacente, per un totale di 1.126 kilogrammi, è stata individuata attraverso un controllo su oltre 2100 container partiti dal continente sudamericano.

I sofisticati scanner hanno permesso agli investigatori di scoprire dove era nascosta la sostanza stupefacente.

La cocaina era di qualità purissima e poteva essere moltiplicata fino a 4 volte prima di essere lanciata sul mercato, raggiungendo un valore di circa 225 milioni di euro.

Secondo quanto riferito, il container all’interno del quale era nascosta la droga era diretto verso un porto in Turchia. Non il primo sequestro di grandi quantitativi di cocaina all’aeroporto di Gioia Tauro in Calabria.

Il 10 febbraio scorso la polizia è riuscita a sequestrare un altro carico di droga. Più di 1,3 tonnellate di cocaina per un valore di circa 260 milioni di euro e due settimane fa sono stati sequestrati circa 400 kg di cocaina nascosti in contenitori di carne.

Cocaina nascosta tra le banane: sequestro record di 10 quintali di sostanza stupefacente nascosta in un container.

Leggi anche: Damiano accusato di consumo di cocaina: escono i risultati per il cantante della band Maneskin che ha vinto l’Eurovision.

Seguiteci anche su Facebook & Twitter

Cocaina nascosta tra le banane: sequestro record di 10 quintali di sostanza stupefacente nascosta in un container
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Cronaca Condividi adesso
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin
TEMI DI QUESTO POST