Con le zone gialle l’Italia da oggi ritorna alla semi-normalità

Tutte le regioni in giallo, solo la Sardegna in zona rossa, mentre Puglia, Sicilia, Basilicata, Calabria e Valle d'Aosta in arancione
sei in  Italia

7 mesi fa - 26 Aprile 2021

Con le zone gialle l’Italia da oggi ritorna alla semi-normalità.

In Italia, da oggi, lunedì 26 Aprile, è entrato in vigore un decreto legge emanato dal governo Draghi che indebolisce una serie di misure restrittive introdotte a causa della pandemia di coronavirus.

Si tratta, in particolare, del ripristino anticipato delle zone gialle, ovvero quelle aree con moderato pericolo epidemiologico.

Ad oggi, in Italia, solo la Sardegna continua a restare in zona rossa. Puglia, Sicilia, Basilicata, Calabria e Valle d’Aosta sono in zona arancione con rischio epidemiologico medio alto. In zona arancione, infatti, si applicano delle rigide restrizioni alla circolazione, funzionamento di bar, ristoranti e centri commerciali.

Secondo il nuovo decreto legge in vigore da oggi, in tutta Italia, almeno fino al 15 giugno, il coprifuoco rimarrà dalle ore 22.00 di sera alle 5.00 del mattino;

il che ha provocato forti controversie sia all’interno del governo del Premier Mario Draghi.

Con il ripristino delle zone gialle è consentita la libera circolazione all’interno delle aree al loro interno e tra di esse.

Per i residenti nelle zone rossa e arancione, ciò richiederà un “pass verde”. Coloro che hanno completato l’intero ciclo di vaccinazione contro il coronavirus o sono giurati da esso avranno il cosiddetto “pass verde” che avrà una validità di sei mesi. Gli altri lo potranno ottenere con l’esito di un tampone negativo, ma in questo caso la sua validità è limitata a 48 ore.

Bar e ristoranti stanno aprendo, ma potranno servire i loro clienti ai tavoli fino al 1 giugno solo all’aperto  e nel rispetto dei protocolli di sicurezza e coprifuoco.

Tra l’altro riaprono in Italia teatri, cinema, musei e sale espositive, visitabili solo previa prenotazione dei biglietti.

Il governo ha anche consentito gli sport ricreativi, compresi gli sport di contatto come il calcio. Non sarà comunque possibile usufruire degli spogliatoi.

Le piscine all’aperto inizieranno a funzionare dal 15 maggio, ma le sale fitness – solo dal 1 ° giugno. Il lavoro di sale da ballo, discoteche e feste private è ancora vietato.

Secondo i dati ufficiali, oggi in Italia sono più di 461.000 le persone positive al covid-19. Nell’ultimo giorno sono state identificate 13.158 nuove infezioni.

In totale, dall’inizio della pandemia, 3.962.674 persone sono state infettate dal coronavirus nel paese, di cui 119.238 morti e 3.384.224 guarite.

Alla mattina del 26 aprile, 5.215.459 persone sono state sottoposte a un ciclo completo di vaccinazione contro l’infezione, pari all’8,74% della popolazione del paese.

Leggi anche: L’Italia è quasi tutta in zona gialla e solo 5 Regioni restano in zona arancione.

Seguiteci anche su Facebook & Twitter

Con le zone gialle l’Italia da oggi ritorna alla semi-normalità
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Italia Condividi adesso
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin
TEMI DI QUESTO POST