Donatella Rettore a cuore aperto: “Ho sbagliato in passato a giudicare alcune colleghe”
Musica

Donatella Rettore a cuore aperto: “Ho sbagliato in passato a giudicare alcune colleghe”

Donatella Rettore, una delle più iconiche cantanti della storia musicale italiana, ha deciso di rilasciare un’intervista a cuore aperto al Corriere della Sera sulla sua vita, l’amore per l’arte e i suoi pentimenti.

L’amarcord di Donatella Rettore

Da piccola la cantante 65enne ammette di essere stata una bambina un po’ ipercinetica e discola:

“Ballavo, cantavo, suonavo. Tutto tranne che obbedire e studiare. Iperattiva, facevo basket, pattinaggio e solfeggio al pianoforte. Vivevo nel mito di Mike Bongiorno e Topo Gigio che tempestavo di lettere.”

Femminista ante litteram, Donatella Rettore decide di sfidare il maschilismo imperante in ambito discografico già a partire dagli anni ’70:

“Avevo messo assieme il mio complessino chiamato I kobra. Quello del cantautorato era un mondo maschile. Negli anni 70 mi toccava sentire cose tipo i “maschi sono più bravi”, “devi aspettare il momento giusto”. C’era una misoginia diffusa e frustrante.”

“A livello internazionale sono esplosa proprio con Lailolà, canzone femminista sulla rivoluzione sessuale tradotta in italiano da me e Roberto Dané. È conosciuta all’estero ma in Italia no.”

“De Gregori mi disse ‘Scrivi senza pudore, senza pensare. Non ti far fregare da quelli che dicono che la donna è sesso debole!”‘ Quel colloquio mi aprì la mente. Dovevo fregarmene delle critiche. Così nacque il mio primo album Donatella Rettore.”

L’amore per Claudio Rego

Impossibile non menzionare, nel viaggio dei ricordi di Donatella Rettore, il bassista e poi percussionista Claudio Rego, suo compagno di vita da quasi 44 anni:

“Le mie amiche avevano storielle e flirt, ma io non ero particolarmente interessata. Ero concentrata sull’arte, sulla musica e il teatro. Però incontro a un festival pop Claudio Rego ed è colpo di fulmine. In aprile saranno 44 anni di conoscenza.”

«Sì, sposata in chiesa. Credevo che il matrimonio fosse la tomba dell’amore, sbagliavo. In realtà se ci fossero stati i Pacs avrei optato per quelli. Mi sono sposata nel 2005. Comunque sposarmi è stata un’esperienza mistica.”

Il pentimento di aver aggredito alcune colleghe

Donatella Rettore è sempre stata una cantante dal carattere verace e volitivo ma adesso ammette di essere pentita di aver aggredito in passato alcune sue colleghe:

“Loredana Bertè mi querelò per alcune critiche. Ma non arrivammo mai davanti al giudice. Però ho sbagliato in passato a giudicare le colleghe. Non è il mio ruolo. Io devo fare i fatti miei e semmai fare autocritica. Non voglio offendere nessuno soprattutto in questo momento.”

«Ho capito che l’importante è amare: la terra, le persone, gli animali, perdonare chi lo merita e anche chi non lo merita, non avere rancori che fanno più male al rancoroso che al…rancorato, amare il vicino molesto.”

Leggi anche: Robin Wright riflette sul suo debutto alla regia, ‘Land’: “È stata la più grande esperienza”
Continua a seguirci sui nostri social Facebook e Twitter! Fonte: corriere

Grave lutto per i Pooh: è morto Alex De Benedictis
alex de benedictis
Grave lutto per i Pooh: è morto Alex De Benedictis
Natale naturale: 9 idee per decorare con le piante
arredamento
Natale naturale: 9 idee per decorare con le piante
Stella di Natale: 10 cose da sapere
lifestyle
Stella di Natale: 10 cose da sapere

Peoplenow.it è partner di Smart eCommerce. La piattaforma editoriale e pubblicitaria per i siti ed i blog di informazione on-line. Smart eCommerce è curatore tecnologico e proprietario dei server che ospitano il sito. Smart eCommerce è curatore commerciale per la monetizzazione del traffico del sito. Chiedi info via e-mail ad adv@smartecommerce.it