Gli scienziati affermano che questo batterio intestinale potrebbe aiutare a combattere gli “effetti dell’obesità”


Gli scienziati affermano che questo batterio intestinale potrebbe aiutare a combattere gli “effetti dell’obesità”

Il batterio che contrasta gli effetti dell’obesità

Degli scienziati in Irlanda ritengono di aver trovato un batterio in grado di contrastare gli effetti dell’obesità.

Il nuovo studio è stato condotto dall’APC Microbiome Ireland SFI Research Center, che ha studiato se il batterio intestinale Bifidobacterium longum APC1472 avesse “effetti anti-obesità” nelle diete ricche di grassi.

L’esperimento scientifico

I batteri B. longum APC1472 sono stati somministrati a 6 topi nutriti con una dieta ricca di grassi attraverso l’acqua potabile per 16 settimane e un numero non specificato di partecipanti umani per 12 settimane.

I ricercatori hanno scoperto che il batterio era “associato a diminuzione del peso corporeo, accumulo di depositi di grasso e maggiore tolleranza al glucosio” nei topi, ma “non ha modificato gli esiti primari del BMI o del rapporto [vita-fianchi]” negli esseri umani sani in sovrappeso e obesi.

Sebbene i partecipanti umani non presentassero cambiamenti pronunciati nel loro aspetto, i ricercatori hanno scoperto che il B. longum APC1472 aveva un “effetto positivo sull’esito secondario dei livelli di glucosio nel sangue a digiuno”.

In altre parole, i batteri presumibilmente si mostrano promettenti come potenziale integratore per ridurre alcuni marker di obesità come i livelli elevati di zucchero nel sangue al mattino, un problema comune per i diabetici.

Il “consumo di stress”

Altre tendenze che i ricercatori hanno osservato nei partecipanti umani obesi trattati con B. longum APC1472 includevano una riduzione della risposta al risveglio del cortisolo – il livello di ormoni dello stress che una persona sperimenta al risveglio – così come una ridotta secrezione dell’ormone della fame (grelina), che limita naturalmente l’appetito.

I ricercatori che hanno lavorato a questo studio hanno suggerito che B. longum APC1472 potrebbe essere utilizzato per ridurre al minimo il “consumo di stress” se ulteriori studi dimostrano che i batteri sono efficaci sotto forma di supplemento.

“Questo studio è stato un vero lavoro di squadra e fornisce importanti prove traslazionali che la supplementazione di probiotici può davvero essere utile nella lotta contro l’obesità”, ha detto il professor John Cryan, un co-autore senior dello studio, in un comunicato stampa.

“Inoltre, i risultati rafforzano il concetto del legame tra il microbioma intestinale, la malattia metabolica e la salute mentale, che è un’area di ricerca in crescita”.

Il problema obesità nel mondo

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, più di 1,9 miliardi di adulti erano considerati in sovrappeso nel 2016, l’ultima volta che l’agenzia sanitaria globale ha rilasciato dati sull’argomento.

Leggi anche: Ecco perché la Vitamina D è importante nella lotta contro il Covid
Seguiteci anche su Facebook & Twitter


Peoplenow.it è partner di Smart eCommerce. La piattaforma editoriale e pubblicitaria per i siti ed i blog di informazione on-line. Smart eCommerce è curatore tecnologico e proprietario dei server che ospitano il sito. Smart eCommerce è curatore commerciale per la monetizzazione del traffico del sito. Chiedi info via e-mail ad adv@smartecommerce.it