I livelli di ansia dei giovani sono quasi raddoppiati durante il primo lockdown

I livelli di ansia dei giovani sono quasi raddoppiati durante il primo lockdown

26 Novembre 2020

     

L’ansia

Secondo uno studio dell’Università di Bristol, le prime fasi della pandemia di coronavirus e il primo lockdown dovuto al Covid-19 hanno quasi raddoppiato il numero di giovani con ansia.

Lo studio ha rilevato che il numero di persone con ansia è balzato dal 13% al 24% nei giovani di età compresa tra 27 e 29 anni, una percentuale di certo superiore a quella dei loro genitori.

Children of the 90s

Anche quando le restrizioni di blocco sono state allentate a giugno, i ricercatori hanno scoperto che i livelli di ansia sono comunque rimasti alti e hanno aggiunto che questa tensione perdurerà anche durante questo inverno.

I ricercatori hanno utilizzato le informazioni dello studio sulla salute Children of the 90s di Bristol nel quale sono state reclutate 14.500 donne incinte nel 1991 e nel 1992 al fine di raccogliere quasi tre decenni di dati sulla salute e sullo stile di vita delle madri e dei loro bambini, che ora hanno quasi 30 anni.

“I dati del questionario Children of the 90s sono altamente dettagliati e rivelano un preoccupante aumento dell’ansia dei giovani – questo sembra essere dovuto alla pandemia stessa e potenzialmente alle ricadute sociali ed economiche causate dalle misure di blocco utilizzate per controllare la diffusione del virus “, ha detto il ricercatore co-responsabile Dr. Alex Kwong dell’Università di Bristol. “Le prove suggeriscono che questo non sarà un problema a breve termine e che il supporto per la salute mentale e gli interventi sono urgentemente necessari per ridurre alcune delle disuguaglianze di salute mentale che sono emerse”.

Le donne e l’ansia

Lo studio ha utilizzato poi i dati degli anni precedenti con i risultati di due questionari Covid-19 di quest’anno per comprendere l’impatto della pandemia sull’attuale salute mentale.

I ricercatori hanno scoperto che alcune tipologie di donne sono particolarmente a rischio, in questi giorni, di peggiorare la loro salute mentale. Le principali sono quelle che soffrono di condizioni di salute preesistenti, che vivono da sole durante la pandemia, che si isolano spontaneamente e quelle con recenti problemi finanziari.

“I risultati suggeriscono che in questo momento è necessario proteggere la salute mentale (in particolare la gestione dell’ansia) e supportare i servizi di salute mentale”, ha detto la ricercatrice co-responsabile Dr. Rebecca Pearson. “È particolarmente importante imparare le lezioni dal primo blocco ora che siamo in un secondo blocco. I risultati forniscono anche prove per sostenere gruppi specifici a maggior rischio per la salute mentale, come quelli che vivono da soli”.

Gli studi fanno eco a quanto riportato ad agosto dai Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie con la percentuale di americani che ha riportato sintomi di ansia triplicati rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.
Un rapporto ulteriore ha rilevato che gli americani stanno vivendo più problemi di salute mentale legati a Covid-q9 rispetto alle persone in altri Paesi.

Leggi anche: Cerca di provare sempre gratitudine nonostante i tempi difficili
Seguiteci anche su Facebook & Twitter

Stella di Natale: 10 cose da sapere Tutti pazzi per i maglioni di Natale Dieci regole per la tavola di Natale È morto lo stilista Virgil Abloh Fitness, provate il Super Jump Ayurvedica: principi e benefici
leggi articoli di  Lifestyle
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Lifestyle Condividi adesso
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin
TEMI DI QUESTO POST ansia Corona Covid giovani lockdown Oggi