I pesci d’allevamento soffrono di dolore e stress

Coloro che hanno a cuore il benessere del pesce e dei frutti di mare dovrebbero optare per vongole, cozze o alghe, secondo un nuovo rapporto, che afferma che i pesci popolari, tra cui il salmone atlantico e la trota d'allevamento, hanno esigenze di benessere più complesse e hanno maggiori probabilità di provare dolore e sofferenza.
sei in  Ambiente

6 mesi fa - 3 Aprile 2021

Coloro che hanno a cuore il benessere del pesce e dei frutti di mare dovrebbero optare per vongole, cozze o alghe, secondo un nuovo rapporto, che afferma che i pesci popolari, tra cui il salmone atlantico e la trota d’allevamento, hanno esigenze di benessere più complesse e hanno maggiori probabilità di provare dolore e sofferenza.

Non ci sono prove scientifiche delle esigenze comportamentali e ambientali di quasi l’80% delle specie acquatiche, secondo un’analisi di oltre 400 specie allevate in tutto il mondo.

L ‘”enorme” mancanza di informazioni “si tradurrà in estrema sofferenza per i singoli animali”, ha detto la coautrice dello studio Becca Franks, ricercatore presso la New York University.

La ricerca, pubblicata sulla rivista Science Advances, ha rilevato che la mancata fornitura del giusto ambiente e di una corretta gestione può portare i pesci d’allevamento a difetti alla nascita, mobilità ridotta, comportamento aggressivo e dolore estremo durante la macellazione.

Si raccomanda che l’industria dell’acquacoltura si concentri sulla coltivazione di specie più semplici con minori rischi per il benessere e l’ambiente: alghe e bivalvi come ostriche, cozze e vongole.

Gli animali altamente intelligenti come il polpo non dovrebbero essere allevati affatto, ha detto la Franks.

Il settore dell’acquacoltura globale, del valore di $ 250 miliardi (£ 182 miliardi), è cresciuto negli ultimi decenni. Sebbene sia stata inquadrata come una risposta allo sfruttamento delle popolazioni di pesci selvatici, l’acquacoltura è stata criticata per gli impatti negativi tra cui inquinamento, dipendenza dai pesci selvatici per l’alimentazione e uso eccessivo di antibiotici.

Lo studio afferma che anche il benessere dovrebbe essere considerato. I pesci d’allevamento hanno ricordi a lungo termine, possono risolvere problemi, cooperare tra le specie e – contrariamente alle credenze comuni in precedenza – provare dolore.

I cefalopodi, come i polpi, possono risolvere enigmi, esplorare labirinti e aprire barattoli. Le aragoste hanno abilità di navigazione sofisticate e i gamberi mostrano un comportamento emotivo, tra cui ansia e stress.

Leggi anche: Alcune lumache di mare possono far ricrescere nuovi cuori e corpi dopo la decapitazione

Continua a seguirci sui nostri social Facebook e Twitter! Fonte:

I pesci d’allevamento soffrono di dolore e stress
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Ambiente Condividi adesso
TEMI DI QUESTO POST acquacoltura Oggi pesci