Katherine Heigl: “I pettegolezzi che circolavano su di me durante Grey’s Anatomy mi hanno causato disturbi mentali”

La Heigl, nota per aver interpretato il ruolo di Izzy Stevens nel fortunato medical drama, si racconta a cuore aperto al Washington Post
sei in  Attori

12 mesi fa - 30 Gennaio 2021

L’attrice Katherine Heigl a cuore aperto durante una recente intervista al Washington Post.

L’interprete dell’amato personaggio di Izzy Stevens in “Gray’s Anatomy” si è infatti sinceramente aperta con i suoi fan attraverso il rinomato quotidiano.

Le calunnie su Katherine Heigl

In particolare la Heigl ha ricordato di quando, durante la sua partecipazione al medical drama, qualcuno la etichettò come attrice difficile con cui lavorare.

Un pettegolezzo, questo, che le attirò non solamente una valanga di critiche ma che le sbarrò anche le porte per altri ruoli importanti:

“Posso aver detto qualcosa che non è piaciuto ai media, ma questo si è ingigantito fino a farmi diventare ‘l’ingrata’, ‘quella difficile’ fino a ‘non è professionale’… Quale è la vostra definizione di difficile? Qualcuno che ha un opinione che non vi piace? Adesso ho 42 anni e quelle stronzate mi fanno incazzare.”

All’epoca il telefono dell’attrice non squillava più a causa dei fiaschi al botteghino delle pellicole seguite alla fortunata commedia “27 volte in bianco“.

“Puoi essere la persona più orribile del pianeta, ma se gli fai fare soldi ti ingaggeranno sempre. Purtroppo i progetti che hanno seguito il successo di 27 volte in bianco e La dura verità non hanno fatto abbastanza soldi.”

L’allontanamento da Hollyood

Dopo essere stata allontanata da Hollywood a causa di questo pettegolezzo sul suo brutto carattere, l’attrice è scivolata in un periodo di profonda depressione:

“Credo che la mia famiglia, mia madre, mio marito, i miei amici fosse spaventati. e io sono profondamente pentita di averli spaventati, ma non avevo strumenti per controllare la situazione. Solo dopo aver avuto mio figlio, Joshua Jr., ho chiesto a mia madre e a mio marito di aiutarmi a trovare qualcuno che potesse aiutarmi perché sentivo che avrei preferito essere morta. Non mi rendevo conto di quanta ansia stavo provando fino a quando non ho cominciato a stare così male da dover chiedere davvero aiuto.”

Adesso la Heigl è maturata e afferma di aver finalmente imparato a volersi più bene:

“Sono cresciuta nell’idea che l’ambizione non è una brutta parola. Essere ambiziosa, avere grandi sogni e grandi obiettivi non mi rende meno femminile, amorevole e accogliente.”

Leggi anche: “Mike Nichols. A Life”: esce il 2 febbraio la biografia ufficiale del talentuoso regista de “Il Laureato”
Continua a seguirci sui nostri social Facebook e Twitter!

Katherine Heigl: “I pettegolezzi che circolavano su di me durante Grey’s Anatomy mi hanno causato disturbi mentali”
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Attori Condividi adesso
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin