La Cina pone la sua bandiera comunista sulla luna


La Cina pone la sua bandiera comunista sulla luna

Chang’e 5

Un veicolo spaziale cinese è partito giovedì dalla luna, lasciando un segno del suo viaggio sulla superficie lunare.
Hua Chuying, portavoce del ministero degli esteri cinese, ha twittato le immagini della bandiera della nazione piantata sulla luna, augurando alla nave Chang’e 5 un buon viaggio di ritorno.

La missione senza pilota di Chang’e 5 è stata l’ultima di una serie che comprende il Chinese Lunar Exploration Program. Partendo con un carico di rocce lunari, la missione ha rappresentato la prima volta che un veicolo spaziale ha tentato di restituire campioni lunari da quando l’Unione Sovietica l’ha fatto negli anni ’70.

La NASA

L’amministratore associato della NASA Thomas Zurbuchen si è congratulato con la Cina per il suo atterraggio, avvenuto martedì.
“Congratulazioni alla Cina per il successo dello sbarco di Chang’e 5”, ha twittato Zubuchen.

Il tweet continuava: “Non è un compito facile. Quando i campioni raccolti sulla Luna verranno restituiti sulla Terra, speriamo che tutti trarranno beneficio dalla possibilità di studiare questo prezioso carico che potrebbe far avanzare la comunità scientifica internazionale”.

La NASA ha twittato a novembre che sperava che la Cina avrebbe condiviso “i dati con la comunità scientifica globale per migliorare la nostra comprensione della Luna come hanno fatto le nostre missioni Apollo e il programma Artemis”.

Il modulo di ritorno di Chang’e 5 dovrebbe atterrare intorno alla metà di dicembre sulle praterie della Mongolia Interna, dove la navicella spaziale Shenzhou con equipaggio cinese ha fatto il suo ritorno da quando la Cina ha messo un uomo nello spazio per la prima volta nel 2003. La Cina è solo il terzo paese a mettere un essere umano nello spazio, dopo la Russia e gli Stati Uniti.

La missione di Chang’e 5 ha rianimato i discorsi sulla Cina che invierà una missione con equipaggio sulla luna e possibilmente costruirà una base scientifica lì, sebbene non sia stata proposta alcuna tempistica per tali progetti.

Il futuro spaziale della Cina

La Cina ha anche lanciato il suo primo laboratorio orbitante temporaneo nel 2011 e un secondo nel 2016. I piani prevedono una stazione spaziale permanente dopo il 2022, che potrebbe essere assistita da uno spazioplano riutilizzabile.

Mentre la Cina sta rafforzando la cooperazione con l’Agenzia spaziale europea e altri, le interazioni con la NASA sono gravemente limitate dalle preoccupazioni per la natura segreta del programma spaziale cinese e gli stretti legami con l’esercito del paese.

Leggi anche: La Cina ha eseguito test umani per creare super soldati biologicamente potenziati
Seguiteci anche su Facebook & Twitter


Peoplenow.it è partner di Smart eCommerce. La piattaforma editoriale e pubblicitaria per i siti ed i blog di informazione on-line. Smart eCommerce è curatore tecnologico e proprietario dei server che ospitano il sito. Smart eCommerce è curatore commerciale per la monetizzazione del traffico del sito. Chiedi info via e-mail ad adv@smartecommerce.it