La pasta che cambia forma durante la cottura: l’invenzione degli scienziati cinesi e italiani

I ricercatori hanno persino realizzato un video dimostrativo in cui pezzi di pasta nell'acqua bollente si arrotolano in tubi e assumono una varietà di altre forme.
sei in  Food

7 mesi fa - 12 Maggio 2021

La pasta che cambia forma durante la cottura: l’invenzione degli scienziati cinesi e italiani.

Esistono moltissimi tipi di pasta e la loro principale differenza è nella forma. Naturalmente, ci sono variazioni nella composizione dell’impasto e nei metodi di cottura, ma la differenza principale è comunque geometrica.

I tubi ondulati tagliati obliquamente sono penne, le farfalle con bordi intagliati, i nastri lunghi piatti sono fettuccine.

Ed è proprio a una forma così complessa e variegata che si associa un’altra proprietà comune della pasta: fino al 90% di qualsiasi confezione di pasta su uno scaffale di un negozio è aria.

Se comprimi un sacchetto con dei fusilli, il suo volume può essere ridotto di 10 volte. Ciò significa che la sua produzione richiederà tante volte meno plastica, ma, ovviamente, nessuno acquisterà una simile pasta.

Un gruppo di ricercatori del Matter Morphing Laboratory della Carnegie Mellon University ha deciso di ridurre la quantità di plastica da imballaggio; utilizzando un metodo originale: la produzione di pasta “pieghevole”.

Partecipano al progetto anche scienziati delle università di Siracusa e Zhejiang, il che non sorprende: Italia e Cina hanno antiche tradizioni di “pasta fresca”.

Gli scienziati realizzano piatti di pasta unidimensionali, su cui sono applicate molte scanalature: gli spazi sembrano forme piatte con tacche in direzioni diverse. Quando vengono gettati in acqua bollente, si gonfiano e si arricciano secondo necessità, un po ‘come l’origami, l’arte giapponese di piegare le figure di carta.

I ricercatori hanno persino realizzato un video dimostrativo in cui pezzi di pasta nell’acqua bollente si arrotolano in tubi e assumono una varietà di altre forme.

Idealmente, questa tecnologia dovrebbe portare al fatto che la pasta piatta può essere ben confezionata in sacchetti e scatole molto piccoli, mentre il volume del piatto finito non cambierà: durante il processo di cottura, la pasta assumerà la forma a cui siamo abituati.

Ciò ridurrà la quantità di plastica utilizzata per l’imballaggio della pasta di almeno 2-3 volte, oltre a risparmiare sui costi di trasporto e stoccaggio.

Inoltre, la pasta piatta cuoce più velocemente della pasta riccia e questo può ridurre le emissioni durante la cottura.

In generale, il laboratorio per il morphing della materia non esamina solo la pasta: studia le proprietà della plastica, della gomma, del tessuto e di molti altri materiali, compreso il cibo.

Leggi anche: Una ricetta di maiale dal Texas: Il pulled pork.

Seguiteci anche su Facebook & Twitter

La pasta che cambia forma durante la cottura: l’invenzione degli scienziati cinesi e italiani
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Food Condividi adesso
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin
TEMI DI QUESTO POST