L’Agenzia spaziale europea lancia una campagna di reclutamento per astronauti disabili

Questa settimana l'Agenzia spaziale europea (ESA) ha iniziato una campagna di reclutamento di nuovi astronauti, alla ricerca di sei membri che si unissero al suo corpo di astronauti. Per la prima volta, l'ESA è stata esplicita nel voler rendere il suo reclutamento più diversificato per includere le persone con disabilità.
sei in  Tecnologia

11 mesi fa - 17 Febbraio 2021

Questa settimana l’Agenzia spaziale europea (ESA) ha iniziato una campagna di reclutamento di nuovi astronauti, alla ricerca di sei membri che si unissero al suo corpo di astronauti.

Per la prima volta, l’ESA è stata esplicita nel voler rendere il suo reclutamento più diversificato per includere le persone con disabilità.

L’astronauta britannico Tim Peake ha detto che non avrebbe alcuna preoccupazione di volare nello spazio con qualcuno che ha una disabilità fisica, dopo che l’Agenzia spaziale europea (ESA) ha delineato i suoi piani per reclutare il suo primo “parastronauta” in assoluto.

Sono invitati a presentare domanda coloro con una deficienza degli arti inferiori o che sono considerati di bassa statura e soddisfano altri criteri di reclutamento.

Intervenendo a un briefing con i media dell’Agenzia spaziale Europea, il maggiore Peake ha dichiarato: “Come astronauta che ha vissuto e lavorato in assenza di gravità … ci sono molte, molte cose che puoi ottenere senza necessariamente utilizzare gli arti inferiori“.

“Abbiamo utilizzato le loro conoscenze per selezionare alcune categorie di disabilità fisiche che considereremo possibili per il progetto dei parastronauti.”

Il signor Parker ha detto che ci sono persone con disabilità che lavorano in altri ruoli presso l’Agenzia spaziale Europea, ma ha sottolineato che “la rappresentanza visibile è sempre importante”.

Ha aggiunto: ‘Ci siamo chiesti: quali sono le barriere che ci impediscono di far volare un astronauta fisicamente disabile verso la ISS (Stazione Spaziale Internazionale) e di lavorarci? Quindi, insieme al principale progetto di selezione degli astronauti, abbiamo valutato come selezionare un individuo fisicamente disabile per unirsi alle riserve degli astronauti in prima istanza”.

“E, successivamente, esamineremo la fattibilità tecnica e operativa di implementare una missione significativa e utile da parte di una persona del genere. Ora questa possibilità solleva molte domande, alla maggior parte delle quali non abbiamo ancora risposte”.

Le domande presso l’Agenzia Spaziale Europea vengono accettate dal 31 marzo al 28 maggio. I candidati devono possedere una laurea magistrale (o superiore) in scienze naturali, medicina, ingegneria, matematica o informatica, oppure essere qualificati come test pilota sperimentale, per poter prendere parte al processo di selezione.

Leggi anche: L’Ungheria è la prima nazione dell’UE a ottenere il vaccino cinese
Seguiteci anche su Facebook & Twitter

L’Agenzia spaziale europea lancia una campagna di reclutamento per astronauti disabili
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin
TEMI DI QUESTO POST Agenzia spaziale Europea Oggi