L’allenatore dei New England Patriots rifiuta la medaglia presidenziale della libertà offerta da Trump

L'allenatore dei New England Patriots Bill Belichick ha annunciato che sta rifiutando la medaglia presidenziale della libertà, che avrebbe dovuto ricevere giovedì dal presidente Donald Trump .
di redazione
6 giorni fa
12 Gennaio 2021

L’allenatore dei New England Patriots Bill Belichick

L’allenatore dei New England Patriots Bill Belichick ha annunciato che sta rifiutando la medaglia presidenziale della libertà, che avrebbe dovuto ricevere giovedì dal presidente Donald Trump .

Belichick ha citato i “tragici eventi della scorsa settimana” come responsabili della sua decisione. Mercoledì scorso i rivoltosi pro-Trump si sono scatenati nel Campidoglio degli Stati Uniti.

Cinque persone sono morte a causa del caos, tra cui un ufficiale di polizia del Campidoglio degli Stati Uniti. I Democratici alla Camera vogliono mettere sotto accusa Trump, accusandolo di “incitamento all’insurrezione”.

Il rifiuto

“Recentemente, mi è stata offerta l’opportunità di ricevere la Medaglia presidenziale della libertà, di cui sono stato lusingato per ciò che rappresenta e per ammirazione per i precedenti destinatari”, ha detto Belichick in una dichiarazione.

“Successivamente, si sono verificati i tragici eventi della scorsa settimana e si è deciso di non portare avanti il ??premio. Soprattutto, sono un cittadino americano con grande rispetto per i valori, la libertà e la democrazia della nostra nazione”.

Un funzionario della Casa Bianca ha detto alla CNN che la Casa Bianca è stata informata della decisione.
Belichick è l’allenatore dei Patriots dal 2000 e ha vinto sei Super Bowls, un record della NFL per un head coach.

Belichick ha così concluso la sua dichiarazione: “Rappresento anche la mia famiglia e la squadra dei New England Patriots”.

“Una delle cose più gratificanti della mia carriera professionale è avvenuta nel 2020 quando, grazie alla grande leadership all’interno del nostro team, le conversazioni su giustizia sociale, uguaglianza e diritti umani sono passate in primo piano e sono diventate azioni”, ha detto.

“Continuare questi sforzi rimanendo fedele alle persone, al team e al paese che amo superano i vantaggi di qualsiasi premio individuale”.

Leggi anche: LeBron James condanna la violenza alla DC: “Viviamo in due Americhe”
Seguiteci anche su Facebook & Twitter

Temi di questo post