Le vittime dell’incidente in funivia sul Lago Maggiore: i nomi e la loro storia

Il governo ha annunciato la creazione di una commissione per indagare sul disastro della funivia Stresa-Mottarone dove sono morte 14 persone. 
sei in  Cronaca

7 mesi fa - 24 Maggio 2021

Le vittime dell’incidente in funivia sul Lago Maggiore: i nomi e la loro storia.

Il governo ha annunciato la creazione di una commissione per indagare sul disastro della funivia Stresa-Mottarone sul Lago Maggiore, dove sono morte 14 persone.

Un grave incidente che rischia di portare all’attenzione il tema della qualità e della sicurezza delle infrastrutture del trasporto italiano.

Ma chi sono le persone la cui vita è finita tragicamente ieri?

Biran Amit, nato in Israele il 2 febbraio 1991, Peleg Tal, nato in Israele il 13 agosto 1994,

Biran Tom, nato a Pavia il 16 marzo 2019 tutti residenti a Pavia.

Barbara Cohen Konisky, nata l’11 febbraio 1950, e Itshak Cohen, nata il 17 novembre 1939, nata in Israele.

Mohammadreza Shahisavandi, nata in Iran il 25 agosto 1998.

Serena Cosentino, nata a Belvedere Marittimo il 4 maggio 1994, residente a Diamante Cosenza;

Silvia Malnati, nata a Varese il 7 luglio 1994.

Alessandro Merlo, nato a Varese il 13 aprile 1992

Vittorio Zorloni, nato a Seregno, Milano, 8 settembre 1966, residente a Varese.

Angelo Vito Gasparro, nato a Bari il 24 aprile 1976

Roberta Pistolato, nata a Bari il 23 maggio 1981, residente a Castel San Giovanni (Piacenza).

Non sono stati resi noti i dati personali di un bambino di 9 anni che ha perso la vita all’Ospedale Regina Margherita a Torino.

Roberta Pistolato, era in viaggio con il marito sul Lago Maggiore per festeggiare il suo compleanno. La famiglia pugliese, ha parlato per l’ultima volta con lei dalle 11:00, quando la quarantenne ha inviato alla sorella l’ultimo messaggio con il testo: “Saliremo in funivia”.

Roberta aveva appena terminato gli studi di medicina e lavorava presso l’ASL di Piacenza.

Due fidanzati varesini Silvia Malnati, 27 anni, e Alessandro Merlo, 29 anni, erano entrambi di Varese.

Silvia Malnati era impiegata nel negozio di cosmetici “Chicco” a Milano. Appassionati di natura, mare e montagna, erano partiti insieme per una gita fuori porta, probabilmente la prima dopo forse un lungo anno di restrizioni, e avevano scelto la montagna che sorge tra il Lago Maggiore e il Lago d’Orta.

La ragazza calabrese era in viaggio con il suo ragazzo Serena Cosentino, 27 anni, di Diamante (Cosenza), si era trasferita da pochi mesi a Verbania dove aveva vinto un concorso come ricercatrice presso il Cnr, entrando in servizio il 15 marzo.

In precedenza aveva studiato alla Sapienza di Roma. Nell’incidente è morto anche il suo fidanzato Mohammadreza Shahisavandi, 23 anni, iraniano.

Anche lui è residente a Diamante, ma ha vissuto a Roma, dove ha studiato. Il ragazzo era andato a trovare la sua ragazza a Verbania e insieme erano andati in gita al Mottarone.

Un’intera famiglia di origine israeliana, residente a Pavia, padre, madre e due figli, è stata quasi completamente spazzata via nell’incidente della funivia del Mottarone a Stresa.

L’elenco delle vittime include Amit Biran, 30 anni, sua moglie Tal Peleg, 26 anni, e il figlio Tom, 2 anni. L’altro figlio della coppia di 5 anni, che era con loro, è stato trasportato in gravissime condizioni all’Ospedale Regina Margherita di Torino dove è stato operato.

L’elenco delle vittime include anche i nonni della famiglia: Itshak Cohen, 82 anni, e sua moglie Barbara Cohen Konisky, 70.

Erano arrivati ​​a Pavia da pochi giorni per visitare i loro parenti. Tutti erano andati in Piemonte per un viaggio al Mottarone.

Le vittime dell’incidente in funivia sul Lago Maggiore: i nomi e la loro storia.

Leggi anche: Incidente delle funivia sul Lago Maggiore: un bambino israeliano di cinque anni è l’unico sopravvissuto e le vittime salgono a 14 .

Seguiteci anche su Facebook & Twitter

Le vittime dell’incidente in funivia sul Lago Maggiore: i nomi e la loro storia
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Cronaca Condividi adesso
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin
TEMI DI QUESTO POST