OMS: viaggiare non è sicuro ancora malgrado i vaccini anti-covid19 siano efficaci

L'Organizzazione mondiale della sanità afferma che il miglioramento della situazione pandemica è ancora a un livello "fragile" e ha chiesto di evitare i viaggi internazionali
sei in  Salute

7 mesi fa - 20 Maggio 2021

OMS: viaggiare non è sicuro ancora malgrado i vaccini anti-covid19 siano efficaci

L’Organizzazione mondiale della sanità afferma che il miglioramento della situazione pandemica è ancora a un livello “fragile” e ha chiesto di evitare i viaggi internazionali.

“Di fronte a una minaccia costante e all’insicurezza, dobbiamo usare cautela”, ha affermato Hans Kluge, direttore per l’Europa dell’Organizzazione mondiale della sanità.

Mentre secondo loro la minaccia maggiore è la nuova variante indiana, che potrebbe essere più trasmissibile e che è stata individuata in almeno 26 dei 53 paesi europei.

Tuttavia Kluge ha garantito che i vaccini autorizzati sono efficaci contro il nuovo ceppo indiano.

“Tutti i vaccini approvati sono efficaci contro le nuove varianti”, ha detto Kluge.

Finora solo il 23% delle persone nella regione ha ricevuto una dose di un vaccino contro Covid, con solo l’11% che ha ricevuto entrambe le dosi, ha detto Kluge, avvertendo i cittadini di continuare a prestare attenzione.

“I vaccini possono essere una luce alla fine del tunnel, ma non possiamo essere accecati da quella luce”, ha detto.

In Europa l’OMS, che copre anche parte dell’Asia centrale, il numero settimanale di nuovi casi è diminuito del 60% in un mese.

Tuttavia, la variante indiana del coronavirus è ancora allo studio.

Intanto l’Unione Europea ha raggiunto un accordo per aprire le frontiere alle persone che sono state “completamente vaccinate”.

Gli ambasciatori dei 27 Stati membri dell’UE hanno approvato una proposta della Commissione europea per facilitare i criteri per la designazione di paesi “sicuri” e consentire ai turisti di essere vaccinati completamente altrove.

La notizia arriva in un momento in cui il certificato di vaccinazione dovrebbe entrare in vigore a giugno. Un tale sforzo dimostra che l’UE è determinata a creare le giuste condizioni affinché il turismo torni ai livelli pre-pandemici.

Gli Stati membri dell’Unione europea hanno concordato di riaprire i confini del blocco ai viaggiatori non UE che sono stati completamente vaccinati contro il coronavirus.

La decisione, precedentemente raccomandata dalla Commissione Europea, si applica solo ai vaccini approvati dall’Agenzia Europea dei Medicinali,ovvero:

Pfizer / BioNTech, Moderna, Johnson & Johnson e AstraZeneca.

Intanto, per i vaccini riconosciuti dall’OMS, è attesa una decisione successiva.

Con questi dati, i viaggiatori provenienti da paesi come la Gran Bretagna e gli Stati Uniti potranno viaggiare negli Stati membri dell’Unione senza dover fare la quarantena.

In base alle attuali restrizioni, le persone provenienti da soli sette paesi, tra cui Australia, Israele e Singapore, possono entrare nell’Unione Europea per le vacanze, indipendentemente dal fatto che siano state vaccinate.

L’attuale criterio principale è quello di non avere più di 25 nuovi casi di covid-19 ogni 100.000 persone negli ultimi 14 giorni.

La commissione ha proposto di aumentare il tasso di incidenza a 100, ma gli ambasciatori hanno acconsentito a 75.

Affinché le persone vaccinate possano viaggiare devono aver ricevuto un vaccino approvato dall’EMA.

OMS: viaggiare non è sicuro ancora malgrado i vaccini anti-covid19 siano efficaci.

Leggi anche: Unione Europea e Pfizer firmano un accordo su altri 1,8 miliardi di dosi di vaccino anti-covid19 entro il 2023.

Seguiteci anche su Facebook & Twitter

OMS: viaggiare non è sicuro ancora malgrado i vaccini anti-covid19 siano efficaci
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Salute Condividi adesso
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin
TEMI DI QUESTO POST