Operazione congiunta italo-tedesca contro la Ndrangheta: 31 persone sono state arrestate

Con l'accusa di traffico di droga, riciclaggio di denaro sporco e evasione fiscale attraverso pizzerie e ristoranti italiani in Germania.
sei in  Cronaca

7 mesi fa - 5 Maggio 2021

Nell’ambito di operazione congiunta italo-tedesca contro la Ndrangheta, 31 persone sono state arrestate con l’accusa di traffico di droga; riciclaggio di denaro sporco e evasione fiscale attraverso pizzerie e ristoranti italiani in Germania.

Europol ed Eurojust, che coordinano le forze dell’ordine in Europa, hanno affermato che più di 800 agenti di polizia sono stati coinvolti nell’operazione antimafia congiunta tra Italia e Germania.

Esperti di entrambi i paesi hanno formato un pool antimafia congiunto per indagare sul caso, complicato dai sistemi telefonici crittografati che i sospetti usavano per comunicare.

Si ritiene che gli indagati abbiano riciclato i proventi della vendita di cocaina in attività di facciata come ristoranti, vendite di auto e attività di importazione ed esportazione di cibo.

L’Operazione congiunta italo-tedesca contro la Ndrangheta, in Italia, ha visto coinvolti i Carabinieri, Polizia di Stato e Guardia di Finanza.

Il procuratore capo di Costanza, in Germania, Johannes Georg Roth; ha dichiarato durante una conferenza stampa che l’indagine ha scoperto una “evasione fiscale sistematica” su larga scala da parte di pizzerie e ristoranti italiani in tutta la Germania.

Secondo lui, i ristoratori hanno sviluppato un intero modello di business, che includeva l’importazione di cibo italiano e l’evasione fiscale in Germania.

Sequestrati centinaia di migliaia di euro, oltre ad armi, cocaina, auto di lusso e gioielli. Ad annunciarlo l’Europol ed Eurojust.

Il Procuratore Capo della Direzione Nazionale Antimafia, Federico Cafiero De Rajo; ha affermato che l’inchiesta di Torino ha confermato quanto la Ndrangheta, originaria della Calabria, sia penetrata nell’economia italiana.

I sospetti avrebbero riciclato i proventi della cocaina da società di copertura come ristoranti turistici, vendite di auto e importazioni ed esportazioni di cibo.

“Tutto questo è un sistema criminale che penetra nell’economia e mostra quale grande pericolo rappresenta la Ndrangheta. Questa mafia inquina le economie dei diversi paesi in cui penetra ”, ha detto De Rajo.

Leggi anche: Ndrangheta, camorra e petrolio: arrestata la cantante ereditiera Ana Bettz.

Seguiteci anche su Facebook & Twitter

Operazione congiunta italo-tedesca contro la Ndrangheta: 31 persone sono state arrestate
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Cronaca Condividi adesso
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin
TEMI DI QUESTO POST